La mafia che ho conosciuto

DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "La mafia che ho conosciuto"
(di Alfredo Galasso)

Dall’incontro con Rocco Chinnici,
Falcone e Borsellino
al maxiprocesso.

Dal delitto Pecorelli a Mafia capitale,
al processo sulla trattativa.

Il racconto di un protagonista
in prima linea contro le mafie
e la criminalità organizzata.

– Ma la trattativa c’è stata o no?
– L’accordo tra mafia e Stato non è una novità,
risale alle origini dell’una e dell’altro.
Colloquio tra Alfredo Galasso e il pentito di mafia
allora suo assistito Angelo Siino,
ex “ministro dei Lavori pubblici” di Cosa nostra.
Alfredo Galasso ricostruisce nella forma del racconto in prima persona l’avventura di una vita. Una testimonianza esclusiva che attraversa gli ultimi quarant’anni della storia d’Italia, segnati da efferati omicidi, misteri e poteri occulti, logge massoniche, politici corrotti, criminali sanguinari, ma anche da una straordinaria schiera di uomini di Stato integerrimi e combattivi che hanno lottato fino al sacrificio più estremo.
Avvocato di parte civile in molti processi, amico personale di Falcone, Borsellino e altri protagonisti della lotta alla mafia, Galasso rievoca gli anni della nascita del pool, il maxiprocesso conclusosi a Palermo nel 1992 con la condanna del gotha di Cosa nostra, il processo Pecorelli che vide sul banco degli imputati Giulio Andreotti e infine quello di Mafia Capitale, fornendo per ognuno numerosi particolari inediti. Un testimone d’eccezione, legale tra gli altri dei collaboratori di giustizia Angelo Siino (il “ministro dei Lavori pubblici di Cosa nostra”, custode di svariati segreti e protagonista di tanti processi, compreso quello tuttora in corso sulla Trattativa) e Calogero Brusca, cugino di Giovanni Brusca, il killer di Capaci. Una storia per le giovani generazioni (e non solo), per non dimenticare, ora che la parola mafia sembra quasi scomparsa dai radar dell’informazione.
Alfredo Galasso (Palermo 1940), avvocato e docente universitario, è stato componente del Consiglio superiore della magistratura, consigliere regionale e deputato nazionale. Difensore di parte civile in numerosi procedimenti di mafia, a partire dal maxiprocesso di Palermo del 1986, ha scritto La mafia non esiste (Tullio Pironti Editore), La mafia politica (Baldini & Castoldi), Mafia. Vita di un uomo di mondo (con Angelo Siino, Ponte alle Grazie). Tra le pubblicazioni più recenti, l’opera in due volumi Istituzioni del diritto privato (Zanichelli).

"Un racconto per le vecchie e le nuove generazioni"

autore:
Alfredo Galasso
collana:
dettagli: 256
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

La mafia che ho conosciuto

"Un racconto per le vecchie e le nuove generazioni"

autore:
Alfredo Galasso
collana:
dettagli: 256
prezzo: 18,00 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "La mafia che ho conosciuto"
(di Alfredo Galasso)



– Ma la trattativa c’è stata o no?
– L’accordo tra mafia e Stato non è una novità,
risale alle origini dell’una e dell’altro.
Colloquio tra Alfredo Galasso e il pentito di mafia
allora suo assistito Angelo Siino,
ex “ministro dei Lavori pubblici” di Cosa nostra.




Le vostre recensioni 0 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it



un pretesto per leggerlo
Tratto da La mafia che ho conosciuto

Alfredo Galasso

– Ma la trattativa c’è stata o no?
– L’accordo tra mafia e Stato non è una novità,
risale alle origini dell’una e dell’altro.
Colloquio tra Alfredo Galasso e il pentito di mafia
allora suo assistito Angelo Siino,
ex “ministro dei Lavori pubblici” di Cosa nostra.