Odio gli indifferenti


David Bidussa presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Odio gli indifferenti"
(di Antonio Gramsci)

Instant Book

Discorsi e testimonianze di pensiero libero,
piccoli saggi, articoli, lettere.
Contro censure e condizionamenti.
Libri politici per cercare un'altra politica
e ritrovare un pensiero forte.
Libri del passato pensati per il futuro.
Usiamoli.

I problemi esposti con lucida rabbia da Gramsci sono gli stessi che oggi siamo chiamati a risolvere. Tutto torna. Importante, come ci fa vedere Gramsci in questo libretto che raccoglie i suoi articoli più incisivi, è non rimanere indifferenti. Perché "l'indifferenza è vigliaccheria".

«All'inizio c'è il disprezzo. "Odio gli indifferenti" sono le prime parole che il lettore si trova di fronte. Ma poi occorre l'intelligenza, se si vuol provare a cambiare. L'intelligenza per cogliere i molti malesseri della società italiana, quelli che ancora oggi sono irrisolti.»
Dall'introduzione di David Bidussa

Antonio Gramsci (Ales, Cagliari 1891 - Roma 1937)
Studioso e uomo politico, iscritto al Psi nel 1913. Animatore del settimanale «L'Ordine nuovo» nel 1919-20. Nel gennaio 1921 è uno dei fondatori del Partito comunista, ne diventa segretario nel 1924. Eletto al Parlamento nell'aprile di quell'anno, nel novembre 1926 con la messa fuori legge dei partiti d'opposizione da parte del regime fascista è condannato a vent'anni di detenzione. La sua riflessione di quegli anni è raccolta nei Quaderni del carcere. Muore dopo una lunga malattia testimoniata nelle Lettere dal carcere.
I testi compresi in Odio gli indifferenti risalgono al biennio 1917-18.

"L'indifferenza è vigliaccheria. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia"

a cura di:
Antonio Gramsci
prefazione di: Bidussa David
collana: Instant Book
dettagli: 128 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Odio gli indifferenti

"L'indifferenza è vigliaccheria. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia"

autore:
Antonio Gramsci
prefazione di: Bidussa David
collana: Instant Book
dettagli: 128 pagine
prezzo: 7,00 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Odio gli indifferenti"
(di Antonio Gramsci)









Lorenzo Fazio presenta Instant Book
Le vostre recensioni 14 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 
 (13)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Luciano Canfora a Luca Telese, Il Fatto quotidiano - 24 maggio 2012:
"Ci sono tanti testi dimenticati che saltano fuori. Ci sono dei classici, delle perle come Odio gli indifferenti pubblicato da Chiarelettere".

Antonio Pascale, Vanity Fair – 30 marzo 2011:
"L'indignazione è una condizione necessaria ma non sufficiente. Esasperati, ci proponiamo di cambiare lo status quo, poi la rabbia consuma i nostri propositi e torniamo nello status quo, più frustrati di prima. ODIO GLI INDIFFERENTI è il tentativo di ragionare attorno alla seguente questione: è possibile elaborare dopo l'indignazione una sana proposta politica?".

Pierluigi Mele, Blog Rainews24 - 12 aprile 2011:
"In tempi caotici come questi, che sono anche tempi drammatici, leggere parole forti (parole che hanno un significato, che non cadono, quindi, nell’insignificanza) che possono scuotere la nostra mente e la nostra anima ormai assuefatta (o forse cinica) non può che far bene. Ed è il caso di questo istant book , pubblicato dalla Casa editrice Chiarelettere, che raccoglie alcuni articoli di Antonio Gramsci, usciti sull’Unità tra il 1917 e il 1918 (un periodo, quindi, di alta tensione sociale e politica per l’Italia ormai alla fine dell’era giolittiana)."

Andrea Greco, Anna – 21 aprile 2011:
"Tensione, frasi taglienti, faziosità ben argomentata: che bello è rileggere Antonio Gramsci. Non c'è da avere paura: è divertente, spiazzante, raffinato. Una boccata d'aria pura rispetto ai nostri polemisti tv, capaci solo di urlare paonazzi."

David Bidussa, Liberazione - 7 Aprile 2011:
"L'Italia di oggi è convinta che basti chiudere la porta per impedire che il mondo entri in casa propria. Non è così, vivere nel mondo significa assumersi le responsabilità delle proprie opinioni e azioni, e non attendere che le cose si compiano per conto loro."

Lorenzo Fazio :
"Odio gli indifferenti ci propone un Gramsci diverso da quello curvo sui libri. È un Gramsci immerso nella realtà che vive i problemi dell’Italia di allora, che purtroppo sono gli stessi che viviamo oggi."

Lorenzo Fazio – Left:
“Dagli scritti che abbiamo selezionato emerge un Gramsci arrabbiato, indignato, un Gramsci che ha una temperatura emotiva molto alta. Un Gramsci che si indigna, che si schiera.”

Stefano Jesurum - Sette:
“Odio gli indifferenti” è un oggetto che, a prenderlo in mano e sfogliarlo, attrae (dovrebbe attrarre) l’attenzione di un lettore odierno che va un po’ di fretta, giovane, curioso, attento.”

Gabriella Gallozzi - L'Unità:
“Nella lucida analisi della nullità della classe politica italiana. Nella mancanza di senso delle istituzioni, nel conflitto tra politica e magistratura. […]. Scritti, insomma, che tanto dicono di questa Italia dell’indifferenza, ieri come oggi.”

Nadia Urbinati, La Repubblica - 30 Marzo 2011:
“La raccolta gramsciana è un’illustrazione dell’indifferenza in tutte le sue pieghe”.

Nadia Urbinati, La Repubblica - 30 Marzo 2011:
“Odio gli indifferenti parla del "paese Italia" (paese, non nazione, specifica Gramsci). L´attualità fotografica sbigottisce.”

Nadia Urbinati, La Repubblica - 30 Marzo 2011:
“Leggere il discorso è come vedere un film: ogni parola di Gramsci è interrotta da Mussolini e dai suoi uomini”.

Nadia Urbinati, La Repubblica - 30 Marzo 2011 :
“I classici sono nostri compagni. […] Averli sotto mano quando si scorre un giornale, quando si discute con amici, si legge e si scrive è un bene del quale tutti dovrebbero poter disporre e godere. Ora la casa editrice Chiarelettere lancia libri pensati per chi legge i giornali, libri-pamphlet assemblati da curatori perspicaci per fare dei classici i nostri compagni di viaggio.”

Raffaele Liucci, Saturno Il Fatto Quotidiano – 18 marzo 2011:
“Gramsci era stato buon aruspice. Aveva intuito che, nel secolo delle masse, le dittature si fondano non soltanto sulla repressione dei dissidenti, ma soprattutto sull’acquiescenza dei disimpegnati.”