L'imposta patrimoniale


Francesco Giavazzi presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "L'imposta patrimoniale"
(di Luigi Einaudi)

"Semplificare il groviglio delle imposte sul reddito è la condizione essenziale affinché gli accertamenti cessino di essere un inganno, anzi una farsa. Affinché i contribuenti siano onesti, fa d'uopo anzitutto sia onesto lo stato... Oggi, la frode è provocata dalla legge."

Luigi Einaudi (1874 - 1961)
Economista, politico e giornalista italiano, è stato il secondo presidente della Repubblica. Intellettuale di fama mondiale, già senatore del Regno nel 1919, con l'avvento del fascismo si dimise e, durante la Seconda guerra mondiale, si rifugiò come esule in Svizzera. È considerato uno dei padri della Repubblica italiana. Vicepresidente del Consiglio, ministro delle Finanze, del Tesoro e del Bilancio nel IV governo De Gasperi, tra il 1945 e il 1948 fu governatore della Banca d'Italia, incarico che abbandonò quando fu eletto presidente della Repubblica. Suo figlio, Giulio, fondò la casa editrice che porta il suo nome. Tra le sue molte opere vanno ricordate: Lo scrittoio del Presidente, Prediche inutili, Lezioni di politica sociale, Saggi sul risparmio e l'imposta, Le prediche della domenica.

"Bisogna ricreare fiducia. Questo è il miracolo dell’imposta straordinaria sul patrimonio"

autore:
Luigi Einaudi
prefazione di: Giavazzi Francesco
collana: Instant Book
dettagli: 80 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

L'imposta patrimoniale

"Bisogna ricreare fiducia. Questo è il miracolo dell’imposta straordinaria sul patrimonio"

autore:
Luigi Einaudi
prefazione di: Giavazzi Francesco
collana: Instant Book
dettagli: 80 pagine
prezzo: 7,00 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "L'imposta patrimoniale"
(di Luigi Einaudi)







Le vostre recensioni 7 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 
 (7)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Francesco Manacorda, La Stampa - 1 ottobre 2011:
"Ma al di là della questione di attualità nell'Italia del '46 come in quella del 2011, quel che colpisce nel testo è il proporsi anche come manifesto per una fiscalità equa."

Stefano Folli, Il Sole 24ORE - 9 ottobre 2011:
"In realtà Einaudi tratteggia le linee di un sistema fiscale moderno ed equo, autentico strumento di democrazia. Un sistema fiscale fondato sulla moralità e il senso civico di tutti."

Left - 7 ottobre 2011:
"A rileggere le sue pagine sull’imposta patrimoniale c’è da restare sbalorditi."

Il Giornale - 29 ottobre 2011:
"Tra i libri usciti in occasione dei 50 anni dalla morte Luigi Einaudi, da segnalare il breve scritto dell'economista e politico «L'imposta patrimoniale» ripubblicato da Chiarelettere con prefazione di Francesco Giavazzi in cui si trova la famosa frase: 'Bisogna ricreare fiducia. Questo è il miracolo dell'imposta straordinaria sul patrimonio'."

Francesco Giavazzi, Corriere della sera - 22 settembre 2011:
"Luigi Einaudi, nel marzo del 1946, nel libretto che vi apprestate a leggere scrive: 'Il miracolo che l'imposta patrimoniale è chiamata a compiere in Italia è davvero grande: nientemeno che mutare a fondo la psicologia del contribuente'."

Pierluigi Battista, Corriere della sera - 3 ottobre 2011:
"Bene: si riscopre Einaudi."

Avvenire - 21 ottobre 2011:
"Il testo ritenuto un caposaldo del pensiero liberale affronta temi di estrema attualità in un’Italia di oggi non molto diversa da quella dell’immediato dopoguerra."