La politica delle mani pulite


Mario Almerighi presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "La politica delle mani pulite"
(di Pertini Sandro)

Sandro Pertini
(1896-1990)

"Amici miei, io non resto un minuto di più su questa sedia se la mia coscienza si ribella. Non accetterò mai di diventare il complice di coloro che stanno affossando la democrazia e la giustizia in una valanga di corruzione."
Sandro Pertini

"Non accetterò mai di diventare il complice di coloro che stanno affossando la democrazia e la giustizia in una valanga di corruzione"

autore:
Pertini Sandro
prefazione di: Mario Almerighi
collana: Instant Book
dettagli: 127 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

La politica delle mani pulite

"Non accetterò mai di diventare il complice di coloro che stanno affossando la democrazia e la giustizia in una valanga di corruzione"

autore:
Pertini Sandro
prefazione di: Mario Almerighi
collana: Instant Book
dettagli: 127 pagine
prezzo: 7,00 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "La politica delle mani pulite"
(di Pertini Sandro)







Le vostre recensioni 16 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 
 (16)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Flavio Camilli, fuorilemura.com - 5 marzo 2012:
"Quella che ci consegna questo piccolo volume non è soltanto la memoria di un personaggio che ha significato molto per la storia italiana, ma è anche l’emblema di quella speranza e di quel desiderio di giustizia che tanto erano radicati nella coscienza del presidente della Repubblica e tanto valore assumono nelle sue dichiarazioni pubbliche e nelle lettere private. Una speranza e una sete di giustizia alimentate e rese salde dalla pratica quotidiana e rigorosa della correttezza e dell’onestà. È questo il messaggio più significativo e più attuale del libro."

Pierluigi Mele, Blog Rainews24 - 26 febbraio 2012:
"A leggere queste pagine si respira un’aria antica di passione politica coniugata da un grande rigore morale. Non per niente il settennato di Pertini al Quirinale, per il suo stile fatto di rigore costituzionale e umanità, è ancora vivo nella memoria degli italiani."

Silvia Calamandrei, Biblioteca Montepulciano:
"Le edizioni Chiarelettere proseguono con gli Instant book che ripropongono pensatori e personaggi della politica che hanno ancora qualcosa da dire nel presente: "libri del passato pensati per il futuro", pillole di saggezza seminate nella confusione mediatica odierna. Felici nell'impostazione grafica e nella scelta dei titoli, stavolta ci propongono la figura di Sandro Pertini e La politica delle mani pulite."

Stefano Bartezzaghi, La Repubblica - 20 febbraio 2012 :
"Immaginate una collana intitolata “Tascabili” i cui libri abbiano la stazza di volumi delle enciclopedie. Non meno paradossale (sia pure sull’asse del tempo e non delle dimensioni spaziali) sarebbe una collana di classici intitolata Instant book. La seconda a differenza della prima esiste però davvero: è una collana di Chiarelettere inventata dal direttore di Chiarelettere, Lorenzo Fazio, con un’antifrasi svagata e chic, ma di ironia dura e militante. […] La metafora delle mani pulite era frequente nell’eloquio di Pertini e probabilmente l’intitolazione della Procura dell’inchiesta della Procura di Milano veniva appunto da lì. Lettere in rilievo, ombreggiate e disposte per tutta la copertina ma per il lato lungo del libro rendono ancora più inusuale l’edizione, che in ogni dettaglio del suo fuori testo si interroga su cosa sia, oggi, un libro. Già chiederselo finisce per essere una prima risposta."

Nello Ajello, La Repubblica - 18 febbraio 2012:
Pertini: un padre o un nonno della patria volontariamente "strano". Un vegliardo allergico ai cerimoniali come potrebbe capitare a un istintivo teenager. Su qualche muro del Quirinale andrebbe perciò cementata una lapide: "Qui operò, dal 1978 al 1985, un Presidente pop”.

Corriere dell’Irpinia – 13 febbraio 2012 :
"Le somme necessarie furono stanziate. Mi chiedo dove è andato a finire questo denaro. Chi è che ha speculato su questa disgrazia del Belice e, se vi è qualcuno che ha speculato, io chiedo se costui è in carcere come dovrebbe essere in carcere, perché l’infamia maggiore, per me, è quella di speculare sulle disgrazie altrui. Quindi non si ripeta, per carità, quanto è avvenuto nel Belice, perché sarebbe un affronto non solo alle vittime di questo disastro sismico, ma sarebbe un’offesa che toccherebbe la coscienza di tutti gli italiani, della nazione intera e della mia prima di tutto..." Sandro Pertini “Quando il Presidente Pertini parlò agli Irpini”, un volume rende omaggio al grande antifascista, attraverso una raccolta dei discorsi più significativi. Memorabili le sue parole all’indomani di una grande tragedia, parole di rabbia e di denuncia contro una cattiva gestione all’emergenza terremoti." (Estratto da LA POLITICA DELLE MANI PULITE)

Gazzetta del Sud, a cura di Francesco Musolino - 12 febbraio 2012:
"Un volume celebrativo, ma non fine a se stesso poiché Pertini, grazie alla sua grande umanità – ricordate la sua partecipazione al dramma di Vermicino e la sua esultanza ai Mondiali dell'82 – ma, soprattutto, grazie alla sua fermezza d'animo, permise all'Italia di attraversare un settennato funestato dal terrorismo, la P2 e i terremoti in Irpinia e in Friuli. Per tali motivi, Pertini rappresenta ancora oggi un vivido esempio per gli italiani: «La corruzione offende e sdegna la coscienza del cittadino onesto. L'esempio deve essere dato dalla classe dirigente e in primo luogo da me che vi parlo. La politica deve essere fatta con le mani pulite."

Sebastiano Di Mauro, 2righe.com - 13 febbraio 2012:
"Sandro Pertini aveva un modo tutto suo di appartenere allo Stato e solo lui ha potuto pronuciare una frase come questa: “Amici miei io non resto un minuto di più su questa sedia se la mia coscienza si ribella. Non accetterò mai di diventare il complice di coloro che stanno affossando la democrazia e la giustizia in una valanga di corruzione". Quanto risuonano diverse da quelle che siamo abituati a sentire nel mondo della politica attuale."

Matteo Ponzano, Reset Radio - 2 febbraio 2012:
"Sandro Pertini rappresenta nel quadro della memoria del paese un esempio fulgido di quello che oggi è assolutamente necessario venga recuperato: il senso profondo di appartenenza allo Stato e l'agire da parte di chi rappresenta le Istituzioni Pubbliche nell'interesse generale, secondo le istanze della libertà e della giustizia sociale."

Francesco Musolino, Il Futurista - 2 febbraio 2012:
"Almerighi, che conobbe il Presidente da giovane, quando era ancora un “pretore d’assalto”, ha scelto una ampia selezione di scritti, lettere, interviste e discorsi, dividendo il volume in cinque, ricche sezioni: Prima di tutto – ovvero il celebre discorso tenuto in occasione del terremoto in Irpinia – La questione morale; L’impegno politico: una testimonianza di rigore e umanità; Pertini presidente della Repubblica; Il grande disegno europeo. Sono scritti e interventi che non possono non lasciare un segno nel Lettore, soprattutto se paragonati alla cronaca politica odierna e – purtroppo – a buona parte dei suoi protagonisti."

Alex Corlazzoli, 27 gennaio 2012:
"Quando ero piccolo anzichè avere in camera un poster dei calciatori, avevo appeso una foto di Pertini...ho iniziato ad amare la politica grazie a lui..."

Rocco Femia, Direttore di Radici - 26 gennaio 2012:
“Questa collezione è una miniera veramente…”

Adnkronos, 26 Gennaio 2012:
"Il ricordo di Pertini è ancora molto vivo, i suoi discorsi, le sue prese di posizione, mai mediate dal puro calcolo politico, sono rimaste impresse nella memoria collettiva. In un momento in cui la politica viene accusata di essere lontana dai cittadini, e' d'aiuto rammentare le sue parole, dettate da un sentimento di franca umanità e i gesti spesso al di fuori dei protocolli istituzionali. Un presidente che ha saputo conquistare milioni di italiani."

Internazionale, 26 gennaio 2012 :
"In un momento in cui la politica sembra lontana dai cittadini, Mario Almerighi ripropone Sandro Pertini."

I consigli della redazione di CHE TEMPO CHE FA, 23 gennaio 2012:
"Sandro Pertini, La politica delle mani pulite (Chiarelettere). Amici miei, io non resto un minuto di più su questa sedia se la mia coscienza si ribella. Non accetterò mai di diventare il complice di coloro che stanno affossando la democrazia e la giustizia in una valanga di corruzione. Leggere le parole di Pertini oggi fa molta impressione: si capisce dalle sue denunce allarmate che il male lo si scorgeva già allora e bisognava reagire e intraprendere un altro percorso."

Left, 20 gennaio 2012 :
"La politica dalla mani pulite è una critica feroce alla corruzione e alle caste di ogni tipo."