Roba da fotoromanzi!


Stefano Disegni presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Roba da fotoromanzi!"
(di Disegni Stefano)

Il fotoromanzo della politica italiana nella ricostruzione di una rockstar della storia, qui sceneggiatore e interprete.

Con «Misfatto», «il Fatto Quotidiano» vende 10.000 copie in più.

Date le numerose richieste, ecco raccolti finalmente in un corposo volume i cinefotoromanzi pubblicati ogni domenica dal «Misfatto», inserto satirico del «Fatto Quotidiano» diretto da Stefano Disegni. La passione per il cinema (Stefano Disegni è uno tra i più importanti collaboratori della rivista «Ciak», le sue recensioni a fumetti sono ormai da anni uno degli appuntamenti più attesi dai lettori) unita alla satira politica, di cui è firma prestigiosa, hanno portato l'autore a realizzare parodie di film famosi tradotte in chiave politica. O meglio a adattare fatti e protagonisti del teatro politico italiano alle trame di pellicole riconoscibili ed entrate nella memoria collettiva. Si va così da «Viale del Tramonto» con l'ex sindaco Moratti che come Gloria Swanson non riesce ad accettare di aver perso la carica, a «L'Uomo invisibile» con Gianfranco Fini nel ruolo del protagonista ormai invisibile sul palcoscenico della politica italiana, a «Il sesto senso» in cui Berlusconi vede i comunisti e li vede solo lui (come il bambino del film originale vedeva i fantasmi), a «Ladri di biciclette» in cui Berlusconi, come il padre del film di De Sica trascinava il figlioletto alla ricerca della bicicletta, trascina un impacciato Alfano in calzoni corti alla ricerca del governo scippato, fino a «Castaway» in cui, a elezioni milanesi vinte, Veltroni e D'Alema vengono abbandonati dai militanti pd su un'isola deserta perché non rovinino tutto. E poi Bossi e il Trota in «Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l'amico misteriosamente scomparso in Africa» di sordiana memoria, padre e figlio alla ricerca del cassiere della Lega sparito in Tanzania con i soldi del finanziamento pubblico. Fino al «Silenzio degli Innocenti» con Hannibal Lecter interpretato nientemeno che da Marco Travaglio con tanto di museruola, o al Benigni di oggi che va a vivere a casa di... Benigni di trent'anni fa nel remake fotoromanzato de La strana coppia di Neil Simon. Corredano i cinefotoromanzi le foto realizzate senza l'intervento in Photoshop per la sovrapposizione delle facce dei politici. Anche in questo caso l'effetto è curioso e imprevedibile: le foto «al naturale» rivelano il trucco, un dietro le quinte spesso esilarante. Il fotoromanzo è un genere che ha conosciuto trionfi di vendite in anni trascorsi e che mantiene intatto il suo fascino, specie se supportato dalla scrittura comica di Stefano Disegni che ne è sceneggiatore, regista e, quando serve, interprete lui stesso insieme ai suoi collaboratori, oltre a special guests del calibro di Tullio Solenghi, Leo Gullotta, Max Paiella e altri.

Stefano Disegni, uno dei maggiori disegnatori e autori di satira italiani, per tre volte vincitore del Premio Satira politica di Forte dei Marmi, ha collaborato con tutte le più importanti testate nazionali, ha al suo attivo numerosi libri ed è stato autore e interprete di molti programmi televisivi di successo quali Lupo Solitario, L'Araba Fenice, Convenscion, Tintoria, Cronache Marziane, Crozza Italia Live ed altri. Attualmente, oltre a disegnare e scrivere per "il Fatto Quotidiano", pubblica strip di satira televisiva per "Sette", inserto del "Corriere della Sera", recensioni di satira cinematografica per "Ciak", principale movie-magazine del nostro Paese, e strip di satira politica per "Linus".

"I cinefotoromanzi del Misfatto riuniti in una raccolta esilarante. Imperdibile per chi ama la satira, toccante per chi ama il cinema"

autore:
Disegni Stefano
collana: Fuori collana
dettagli: 256 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Roba da fotoromanzi!

"I cinefotoromanzi del Misfatto riuniti in una raccolta esilarante. Imperdibile per chi ama la satira, toccante per chi ama il cinema"

autore:
Disegni Stefano
collana: Fuori collana
dettagli: 256 pagine
prezzo: 23,60 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Roba da fotoromanzi!"
(di Disegni Stefano)







Le vostre recensioni 3 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 
 (2)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Cristian:
Trovata geniale Il MIsfatto. Talvolta, lo confesso, acquisto il giornale e mi dedico maggiormente all'inserto. Caustico, brillante, capace di raccontare la realtà con ironia e lucido realismo. Consiglio questo libro, che di queste qualità è la summa.

Milanistanellanima:
Vignette cariche di ironia che ci sbattono in faccia la realtà della politica italiana e una sola - amara - verità: quanta nostalgia per la Prima Repubblica!!

Gilles77:
Dal cinema alla politica. Grande Stefano Disegni. Matita ruspante, intelligente e ironica che ci fa riflettere, sorridendo spesso anche amaro sull'inadeguatezza di questa classe politica che ha francamente stufato.