Il giorno in cui la Francia è fallita

DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Il giorno in cui la Francia è fallita"
(di Philippe Jaffré, Philippe Riès)

Estate 2012, Francia: bancomat fuori servizio, banche inagibili, conti correnti congelati, prelevamenti sospesi, assalti ai supermercati, tumulti, incendi, forze dell'ordine mobilitate. All'estero: turisti francesi con carte di credito respinte e nell'impossibilità di pagare alberghi, ristoranti e negozi, famiglie bloccate senza prospettiva immediata di ritorno. Che succede? Come si spiega il collasso del sistema finanziario francese?

Le obbligazioni dello Stato - cioè il debito pubblico - sono state classificate "junk bonds", ossia spazzatura, da una società americana di valutazione finanziaria. Gli autori, grandi conoscitori dei meccanismi che governano il mondo politico e finanziario, raccontano la drammatica vicenda di un paese finito in bancarotta pur essendo la settima potenza industriale del mondo, a seguito di una serie di decisioni politico-economiche errate.

Incontriamo nel susseguirsi della vicenda, fra gli altri, gli stessi protagonisti della scena politica transalpina, Nicolas Sarkozy, Ségolène Royal e François Bayrou attualmente candidati principali della corsa all'Eliseo. E con loro altri notissimi personaggi del mondo politico, della finanza internazionale, del giornalismo e dello spettacolo.

Una vicenda solo in apparenza di fantapolitica, una significativa lezione per tutti quei paesi, come l'Italia, con un indebitamento pubblico sempre meno controllabile e un'incapacità manifesta a confrontarsi con problematiche imposte da un mondo sempre più globalizzato e interdipendente.

"E l'Italia?"

autore:
Philippe Jaffré,Philippe Riès
prefazione di: Francesco Giavazzi
collana: Fuori collana
dettagli: 360 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Il giorno in cui la Francia è fallita

"E l'Italia?"

autore:
Philippe Jaffré,Philippe Riès
prefazione di: Francesco Giavazzi
collana: Fuori collana
dettagli: 360 pagine
prezzo: 18.6 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Il giorno in cui la Francia è fallita"
(di Philippe Jaffré, Philippe Riès)



"Non vedo al nostro orizzonte alcun Sarkozy. Non perchè manchi il coraggio, che pure nella politica italiana è merce rara, ma perchè non funziona più la nostra democrazia", dalla Prefazione di Francesco Giavazzi
"Miei cari amici, abbiamo un malaugurato contrattempo: l'aereo non può decollare e nelle prossime ore dobbiamo dividerci i posti disponibili sui successivi voli di linea in partenza da New York... Un creditore dello stato, di cui ignoro l'identità, ne ha ottenuto il sequestro da un giudice locale", Nicolas Sarkozy
"Per trent'anni il nostro paese ha messo in fuga chi crea ricchezza e ha fatto crescere oltre ogni misura gli effettivi del pubblico impiego. Da troppo tempo, lo stato francese vive oltre le sue possibilità. Oggi siamo nella situazione di una famiglia che ha vissuto spendendo più di quanto guadagnava e a cui il banchiere ha deciso di tagliare i fondi."
"Un comunicato di un'agenzia americana ha scatenato stamani un vero tsunami alla Borsa di Parigi, dove le quotazioni sono state sospese dopo l'apertura e non sono ancora riprese. Ritenendo che la Francia potrebbe non essere in grado di rimborsare i debiti, Standard and Poor's ha bollato come sospetti il nostro paese, le sue aziende, le sue banche... Questa notizia occuperà la maggior parte del telegiornale."




Le vostre recensioni 3 recensioni
5 stelle
 
 (1)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 
 (1)
2 stelle
 
 (1)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Tiziano:
Mi sembra uno dei classici tomi dai toni allarmistici, che terrorizzano, sparano sentenze e non danno soluzioni. Francamente preferisco concentrarmi sulle cose concrete piuttosto che focalizzarmi sulla fantapolitica e la fantaeconomia.

Helen:
Oggi si parla dell'uscita della Grecia dall'euro, e della possibile fuoriuscita di altri Paesi. Lo scenario non è dei più confortanti e ritengo che noi Italiani dovremmo interrogarci sul futuro che ci attende. Soprattutto, dovremmo chiedere più trasparenza alle istituzioni che ci rappresentano. Questo libro ha il pregio di stimolare un dibattito di cui si sentiva il bisogno.

Tutto Vero:
Diciamo che leggersi questo libro aiuta a capire non tanto la Francia, quanto l'Italia fallirà. Leggerlo ti aiuta a capire perchè è CERTO che fallirà. Purtroppo quando toccherà a noi, e toccherà a noi, l'Europa salterà come un tappo di champagne. Un libro da leggere per capire cosa significa debito pubblico e perchè chi governa lo usa alle nostre spalle. Bravi.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Il giorno in cui la Francia è fallita

Philippe Jaffré,Philippe Riès

"Un comunicato di un'agenzia americana ha scatenato stamani un vero tsunami alla Borsa di Parigi, dove le quotazioni sono state sospese dopo l'apertura e non sono ancora riprese. Ritenendo che la Francia potrebbe non essere in grado di rimborsare i debiti, Standard and Poor's ha bollato come sospetti il nostro paese, le sue aziende, le sue banche... Questa notizia occuperà la maggior parte del telegiornale."