L'obbedienza non è più una virtù

DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "L'obbedienza non è più una virtù"
(di Don Lorenzo Milani)

Tre motivi per leggerlo:
Perché insieme a Lettera a una professoressa rappresenta la testimonianza più
preziosa lasciataci da don Lorenzo Milani.
Perché è un piccolo manifesto contro il potere e la servitù della mente e del cuore,
in nome della libertà e della responsabilità individuali.
Perché don Milani ha interpretato la cultura non come erudizione o nozionismo
ma come base della vera cittadinanza:
saper leggere il contratto dei lavoratori – diceva – è cultura.
«Una fiammante, socratica apologia
che ogni ragazzo dovrebbe leggere
appena si sveglia al dubbio e all’esistenza.»
Dall’introduzione di Roberta De Monticelli
Don Lorenzo Milani (Firenze 1923-1967). Si avvicina al cristianesimo all'età di vent'anni e a ventiquattro è ordinato sacerdote. Diventa cappellano a San Donato di Calenzano, importante centro operaio vicino a Firenze, dove avvia il suo esperimento di istruzione popolare contro la scuola classista che condanna i più poveri all'ignoranza, dunque alla servitù. È un prete scomodo per la Chiesa, che sceglie di isolarlo esiliandolo in una minuscola comunità sopra Firenze: Sant'Andrea a Barbiana. Siamo nel 1954. Nel 1965 don Milani scrive una lettera aperta a un gruppo di cappellani militari che in un loro comunicato ufficiale avevano definito vile e anticristiana l'obiezione di coscienza. Il gesto gli costa un rinvio a giudizio per apologia di reato e una condanna postuma. Con i ragazzi della scuola di Barbiana don Milani compie una straordinaria avventura umana e spirituale, culminata nel maggio del 1967 con la pubblicazione di "Lettera a una professoressa", opera collettiva oggi letta in tutto il mondo. Introduzione di Roberta De Monticelli.
Don Lorenzo Milani è stato un presbitero, insegnante, scrittore ed educatore italiano. Figura controversa della Chiesa cattolica negli anni Cinquanta e Sessanta, viene ora considerato una figura di riferimento per il cattolicesimo socialmente attivo per il suo impegno civile nell'istruzione dei poveri, la sua difesa dell'obiezione di coscienza e per il valore pedagogico della sua esperienza di maestro.
autore:
Don Lorenzo Milani
prefazione di: Roberta De Monticelli
collana: Biblioteca Chiarelettere
dettagli: 112
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

L'obbedienza non è più una virtù

""

autore:
Don Lorenzo Milani
prefazione di: Roberta De Monticelli
collana: Biblioteca Chiarelettere
dettagli: 112
prezzo: 10.00 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "L'obbedienza non è più una virtù"
(di Don Lorenzo Milani)



Tre motivi per leggerlo:
Perché insieme a Lettera a una professoressa rappresenta la testimonianza più
preziosa lasciataci da don Lorenzo Milani.
Perché è un piccolo manifesto contro il potere e la servitù della mente e del cuore,
in nome della libertà e della responsabilità individuali.
Perché don Milani ha interpretato la cultura non come erudizione o nozionismo
ma come base della vera cittadinanza:
saper leggere il contratto dei lavoratori – diceva – è cultura.




Le vostre recensioni 0 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it



un pretesto per leggerlo
Tratto da L'obbedienza non è più una virtù

Don Lorenzo Milani

Tratto da L'obbedienza non è più una virtù

Milani Lorenzo

Tre motivi per leggerlo:
Perché insieme a Lettera a una professoressa rappresenta la testimonianza più
preziosa lasciataci da don Lorenzo Milani.
Perché è un piccolo manifesto contro il potere e la servitù della mente e del cuore,
in nome della libertà e della responsabilità individuali.
Perché don Milani ha interpretato la cultura non come erudizione o nozionismo
ma come base della vera cittadinanza:
saper leggere il contratto dei lavoratori – diceva – è cultura.