Gianluca Versace

Libri scritti per Chiarelettere:
Neurolandia
seguilo su
Gianluca Versace, laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista e lavora per l’emittente televisiva nazionale Canale Italia occupandosi di politica, attualità, cultura e sport. È direttore editoriale del periodico «Il Piave» di Treviso. Ha creato e diretto format tv molto popolari e seguiti come Storie vere, La partita, Attenti al lupo e Live! Ha lavorato per la Poligrafici Editoriale di Bologna, a «Il Resto del Carlino», «La Nazione» e «Il Piccolo». Il thriller Il domatore del fuoco, uscito nel 2011 (Mazzanti Editori), è il suo secondo romanzo; il primo, Il teatro degli gnomi, pubblicato nel 1984, è stato finalista al premio L’inedito di Firenze. È sua una delle trasmissioni più conosciute della televisione, la scazzottata tra Adel Smith e Carlo Pelanda in una puntata di Attenti al lupo del 2003, le cui immagini sono state viste e commentate in tutto il mondo.
Nel 2012, ha pubblicato per Chiarelettere "Neurolandia" (con Eugenio Benetazzo). Con 1821 voti per il romanzo "Il Domatore del fuoco", ha vinto il premio Internet Cortina d'Ampezzo 2012.
...
espandi
AVVISAMI QUANDO ESCE UN TUO NUOVO LIBRO

e-mail 

 privacy

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere Editore S.r.l, in qualità di responsabile del sito e il Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a, in qualità di responsabile del trattamento dei dati sono gli unici soggetti che possono aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale chiarelettere.it, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a con sede in Via Gherardini 10 - 20145 Milano e.mail: info@maurispagnol.it in persona del legale rappresentante pro tempore, il titolare del trattamento dei dati è Chiarelettere Editore S.r.l, in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in Via Melzi d'Eril 44 - 20145 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


il questionario di Proust

Come sono attraverso il noto questionario di Marcel Proust
Il tratto principale del mio carattere
Una introspettiva malinconia
La qualità che desidero in un uomo
Lealtà e onestà, verso se stessi prima che con gli altri
La qualità che preferisco in una donna
La comprensione e l'accettazione, oltre ogni umana misura
Quel che apprezzo di più nei miei amici
Saper gioire sinceramente della mia gioia, condividendola. Prima e più che condolersi del mio dolore, compatendomi
Il mio principale difetto
Un caustico pessimismo vittimistico
La mia occupazione preferita
IIl mio lavoro di giornalista televisivo, quando posso farlo come voglio io
Il mio sogno di felicità
Poter vivere in un luogo che mi faccia sentire in pace con me stesso e che non mi faccia procedere con gli occhi dietro la nuca: ma esiste?
Quale sarebbe, per me, la più grande disgrazia
Perdere chi amo e la mia libertà
Quel che vorrei essere
Più autonomo e scaltro, quindi più pratico e operoso
Il paese dove vorrei vivere
L'Italia, com'era quando la sentivo "il mio Paese"
Il colore che preferisco
Nerazzurro
Il fiore che amo
Come Gozzano, quello che non colsi
L'uccello che preferisco
Quello che non sa volare, ma ci prova lo stesso sbattendo le sue ali inadeguate e goffe
I miei autori preferiti in prosa
Kafka, Pirandello, Svevo, Oscar Wilde, Marquez, Dostoevskij, Hemingway, Carlo Sgorlon, Giorgio Saviane
I miei poeti preferiti
Dante Alighieri, Leopardi, Ungaretti, Quasimodo, Montale, Pasolini, Mario Luzi
I miei eroi nella finzione
Peter Parker alias Spiderman (l'Uomo Ragno)...
Le mie eroine preferite nella finzione
Non fingo di averne
I miei compositori preferiti
Mozart, Morricone e tutti quelli che, ascoltandoli, mi fanno capire che la musica è un irresistibile linguaggio universale
I miei pittori preferiti
Da Vinci, Munch, Van Gogh...e tutti quelli che hanno dipinto senza compromessi, senza cercare l'applauso e il facile consenso, alla ricerca della loro verità e non temendo l'emarginazione ma anzi ricercandola
I miei eroi nella vita reale
Chi fa il proprio dovere, costi quel che costi
Le mie eroine nella storia
Norma Cossetto, laureanda in lettere e filosofia all'Università di Padova e infoibata nel '43 in Istria
I miei nomi preferiti
Quelli che, quando li pronunci, senti che corrispondono a chi li porta come un abito cucito su misura: capita di rado
Quel che detesto più di tutto
La prepotenza, l'ignoranza e la stupidità. Spesso combinate assieme, in un mix insopportabile fatto passare per "successo"
I personaggi storici che disprezzo di più
Quelli che hanno peggiorato la condizione del loro prossimo
L'impresa militare che ammiro di più
Quella mai fatta
La riforma che apprezzo di più
Quella che non ha peggiorato la situazione precedente: quindi, a memoria d'uomo, non ne ricordo una
Il dono di natura che vorrei avere
L'armonia, che non ho mai provato, tra me e il mondo
Come vorrei morire
Da vivo
Stato attuale del mio animo
Ansioso e insoddisfatto
Le colpe che mi ispirano maggiore indulgenza
Quelle artificiali, generate dai complessi (stonati) di colpa
Il mio motto
In mancanza di sole, cerca di maturare nel ghiaccio

i miei video su

Loading...

sull'autore

Loading...

un pretesto per leggerlo
Tratto da Neurolandia

Eugenio Benetazzo,Versace Gianluca

"Quanto sta accadendo non è altro che un ritorno alla normalità: l'Asia si appresta a riconquistare la posizione e il ruolo che la storia le ha sempre dato. Ci si rinnova tornando alle origini."