Elio Rossi

Libri scritti per Chiarelettere:
I professionisti del potere
seguilo su
Elio Rossi, nom de plume, ha trascorso gli ultimi vent’anni nelle redazioni dei giornali e negli uffici dei potenti che hanno in mano i destini dell’Italia. Ha conosciuto i professionisti del potere, il gruppo degli uomini politici e dell’alta finanza che restano sempre al comando, complici di ogni governo. Nel libro "I professionisti del potere" (Chiarelettere 2011) li descrive in azione. Racconta tutto quello che ha visto e quello che vede.
AVVISAMI QUANDO ESCE UN TUO NUOVO LIBRO

e-mail 

 privacy

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere Editore S.r.l, in qualità di responsabile del sito e il Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a, in qualità di responsabile del trattamento dei dati sono gli unici soggetti che possono aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale chiarelettere.it, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a con sede in Via Gherardini 10 - 20145 Milano e.mail: info@maurispagnol.it in persona del legale rappresentante pro tempore, il titolare del trattamento dei dati è Chiarelettere Editore S.r.l, in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in Via Melzi d'Eril 44 - 20145 Milano e.mail: info@chiarelettere.it

le mie risposte

This content will be replaced when pagination inits.

i miei articoli da

Gli indifferenti e gli indignati
27 Marzo 2011
Cari lettori, alcuni di voi, una parte minoritaria a giudicare dal numero dei loro messaggi, dopo aver letto "I professionisti del potere" ne ha formulato un giudizio critico che riassumo così: "Interessante, ma dov'è il sangue? Che il sistema fosse perverso lo sapevamo già". Vorrei rispondere a questa minoranza, perché credo che il suo ragionamento tocchi una questione importante: cosa fare dell'indignazione. Molti dividono le persone secondo due categorie: gli indifferenti e gli indignati. Gli indifferenti, secondo questo... continua >>
La festa dell'Italia unita
20 Marzo 2011
Famiglie italiane silenti si disperdono in piccoli gruppi che discendono dal Gianicolo dopo aver applaudito alla cannonata a salve che ha risuonato sulla città a mezzogiorno sotto una pioggia ondeggiante tra raffiche di vento improvvise. Trattengono ombrelli e mantelle che si piegano nel verso imposto dalle folate, sventolano bandiere tricolore, sfilano davanti ai busti risorgimentali del parco degli eroi leggendone ad uno ad uno i nomi ai loro figli, salutano il presidente della Repubblica. E' il centocinquantesimo dell'unità... continua >>
Ferrara non infaghi Montanelli
14 Marzo 2011
Mi ha colpito profondamente la risposta di Giuliano Ferrara al cronista della Repubblica che ha chiesto conto delle sue riunioni con il presidente Silvio Berlusconi: "Posso andare a pranzo con chi mi pare? Montanelli non andava a pranzo con Spadolini, con i segretari dei partiti?". A me pare di ricordare che Indro Montanelli non e' mai andato a pranzo, a differenza di Ferrara, con segretari di partito che lo abbiano poi candidato per un seggio in Senato. Ricevette... continua >>

il questionario di Proust

Come sono attraverso il noto questionario di Marcel Proust
Il tratto principale del mio carattere
La riservatezza (disporre di uno pseudonimo, ora che ci penso, qui capita a fagiolo)
La qualità che desidero in un uomo
La statura, morale
La qualità che preferisco in una donna
La bellezza e la generosità, anzi la generosità e la bellezza
Quel che apprezzo di più nei miei amici
Che mi facciano ridere di cuore, bere buon vino, mangiare bene
Il mio principale difetto
Sono permaloso. Quindi nego se qualcuno me lo fa notare
La mia occupazione preferita
IDormire, scrivere, leggere, direi in quest'ordine
Il mio sogno di felicità
Cambiare le cose in meglio
Quale sarebbe, per me, la più grande disgrazia
Essere completamente inutile
Quel che vorrei essere
Uno che lascia il mondo un po' meglio di come lo ho trovato
Il paese dove vorrei vivere
Questo
Il colore che preferisco
Azzurro
Il fiore che amo
Le rose del roseto comunale sull'Aventino
L'uccello che preferisco
Il mio
I miei autori preferiti in prosa
Vittorini, Sciascia
I miei poeti preferiti
Foscolo, Alfieri
I miei eroi nella finzione
Ulisse, quando uccide il primo dei Proci mentre porta alle labbra una coppa
Le mie eroine preferite nella finzione
Medea, quando si vendica del tradimento del marito
I miei compositori preferiti
Beethoven
I miei pittori preferiti
Caravaggio
I miei eroi nella vita reale
Barack Obama
Le mie eroine nella storia
Rosa Parks (la nera che rifiutò di alzarsi per cedere a un bianco il posto a sedere sull'autobus)
I miei nomi preferiti
Non voglio fare nomi
Quel che detesto più di tutto
La strafottenza e, al secondo posto, essere svegliato
I personaggi storici che disprezzo di più
I fiancheggiatori del potere temporale della Chiesa
L'impresa militare che ammiro di più
La vittoria dei russi sui francesi descritta in Guerra e pace
La riforma che apprezzo di più
La democrazia rappresentativa a suffragio universale con pari ed effettive opportunità di informazione per tutti
Il dono di natura che vorrei avere
L'intuizione geniale (ne basta una)
Come vorrei morire
Come mio padre
Stato attuale del mio animo
Aspetto
Le colpe che mi ispirano maggiore indulgenza
Quelle dei miei figli, purtroppo
Il mio motto
Estote parati

un pretesto per leggerlo
Tratto da I professionisti del potere

Elio Rossi

"Le piramidi societarie sono applicate nel 45 per cento dei casi delle imprese italiane, mentre in Germania, Francia Spagna e Regno Unito sono, rispettivamente, 15 per cento, 25 per cento, 20 per cento e 0 per cento (zero!)." Dati tratti da un rapporto redatto dall'Institutional shareholder services su incarico dell'Unione europea