Mario Portanova

Libri scritti per Chiarelettere:
Il Partito dell'Amore
seguilo su
Mario Portanova, giornalista, è nato a Milano nel 1967. Laureato in Economia politica, a partire dal 1990 ha mosso i primi passi nella redazione di «Società civile», il mensile fondato da Nando dalla Chiesa e Gianni Barbacetto che con le sue inchieste ha raccontato con largo anticipo la Milano di Tangentopoli e della mafia trapiantata al Nord. Ha collaborato con «Il Mondo», «Corriere lavoro» e altre testate economiche del gruppo Rcs, ha viaggiato in tutti i continenti (escluso l’Antartide, finora) per lavoro e per passione. Dal 2000 al 2007 è stato redattore del settimanale «Diario» diretto da Enrico Deaglio, per il quale ha realizzato numerose inchieste. Ha seguito tra l’altro il G8 di Genova e i suoi sviluppi giudiziari, il movimento no global da Porto Alegre a Mumbai, la guerra in Iraq con le sue tragedie, dalla battaglia di Falluja al sequestro e all’assassinio di Enzo Baldoni. Per «Diario» ha firmato inoltre numerose inchieste sull’attualità e la politica italiana. Collabora con «L’espresso», «Wired», «Il Fatto Quotidiano», «Altreconomia», «Narcomafie» ed è uno degli animatori del sito Omicronweb, un osservatorio sulla criminalità organizzata nel Nord Italia. In televisione lavora con Blunotte. Misteri italiani, la trasmissione di Carlo Lucarelli su Rai Tre, per la quale ha curato, tra le altre, le puntate sul G8 di Genova (2007), sulla mafia nel Nord Italia e sulla strage nascosta dell’amianto (2008). Ha collaborato con Falò, programma d’approfondimento della tv svizzera italiana, nel documentario Soldi sporchi realizzato da Marco Tagliabue sulla ’ndrangheta in Canton Ticino. Da una decina di anni presenta un paio di volte al mese la rassegna stampa di Radio Popolare Network. Dal 2007 insegna al Master di giornalismo investigativo diretto da Loretta Napoleoni. Ha pubblicato il primo libro nel 1996, Mafia a Milano. Quarant’anni di affari e delitti, con Franco Stefanoni e Giampiero Rossi (Editori Riuniti). Sono seguiti Altri mondi. Storie, personaggi, idee del movimento new global (Marco Tropea, 2003) e Inferno Bolzaneto (Melampo, 2008). Insieme a Enrico Deaglio e al rimpianto Beppe Cremagnani ha realizzato un libro e due documentari sul G8 di Genova e sulla gestione della «sicurezza» nell’Italia di Silvio Berlusconi, riuniti in Governare con la paura (Melampo, 2009). Con la sinologa Lidia Casti si è addentrato nei misteri delle «Chinatown» di casa nostra, svelati in Chi ha paura dei cinesi (Bur, 2008). Per la stessa casa editrice aveva contribuito l’anno prima al volume Sbirri. Nel 2009 ha cominciato a occuparsi del quotidiano diluvio di parole prodotto dalla classe politica italiana e del suo effetto fumogeno sulla realtà dei fatti: ne è venuto fuori, sempre per Bur, il libro Dichiarazia. Nel 2010 ha pubblicato per Chiarelettere "Il partito dell’amore".
...
espandi
AVVISAMI QUANDO ESCE UN TUO NUOVO LIBRO

e-mail 

 privacy

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere Editore S.r.l, in qualità di responsabile del sito e il Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a, in qualità di responsabile del trattamento dei dati sono gli unici soggetti che possono aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale chiarelettere.it, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a con sede in Via Gherardini 10 - 20145 Milano e.mail: info@maurispagnol.it in persona del legale rappresentante pro tempore, il titolare del trattamento dei dati è Chiarelettere Editore S.r.l, in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in Via Melzi d'Eril 44 - 20145 Milano e.mail: info@chiarelettere.it

i miei articoli da

PROVINCE ABOLITE, MA LA CASTA NON PAGA
8 Settembre 2011
Province abolite dal Governo. Ora che succede? Innanzitutto l'abolizione delle Province richiede un percorso costituzionale che è lungo e proprio in questi giorni, qualcuno tipo Pisano, sembra mettere in dubbio che questa legislatura arrivi fino in fondo e cioè al 2013 e quindi questo può essere un ulteriore intralcio. Del resto una legge costituzionale, magari con la fine legislatura anticipata non si approva e finisce in niente. E poi la norma prevede comunque che ci siano città metropolitane... continua >>
Le elezioni a Milano
18 Maggio 2011
C'è una buona notizia dalle elezioni di Milano, e non solo per gli elettori di centrosinistra. Una volta tanto, ha vinto la razionalità. Almeno fino a questo momento, dato che tra due settimane ci sarà il ballottaggio. In una città in mano al centrodestra da 18 anni, intimamente berlusconian-leghista per tutto l'arco della seconda Repubblica, Letizia Moratti ha perso a sorpresa il primo turno soprattutto perché ha governato male. Punto. E il tentativo di parlare alle viscere dell'elettorato... continua >>
TRA VERITA' E REATO
3 Marzo 2011
Dopo tanti mesi in cui si discute del caso Ruby e del caso del "Bunga Bunga", delle feste nelle dimore del Presidente del Consiglio, c'è il rischio che non si capisca più niente. Ma è un rischio che non è determinato dalla carenza di fatti, perché i fatti sono chiari, sono accertati anche prima del processo. Del resto, un conto sono i reati e un conto sono i fatti. Ormai le intercettazioni, gli esami sui cellulari, gli esami... continua >>

i miei video su

Loading...

sull'autore

Loading...

un pretesto per leggerlo
Tratto da Il Partito dell'Amore

Portanova Mario

"Quanto alla vittima, per fortuna è morto, è uno in meno dei loro in circolazione."
Fabio Rizzi, senatore della Lega Nord, dopo la morte di un nomade in fuga, ucciso da un vigile urbano fuori servizio, 26 novembre 2006