Sandro Orlando

Libri scritti per Chiarelettere:
La Repubblica del ricatto
seguilo su
Sandro Orlando, 42 anni, ha cominciato a fare il giornalista a Berlino subito dopo la caduta del Muro, dove si era trasferito già dalla seconda metà degli anni ’80, dopo una laurea in germanistica. In realtà voleva fare il teorico della rivoluzione, o qualcosa di simile, tanto da frequentare nella Germania di quegli anni gruppi di militanti della sinistra radicale, tra comuni agricole, case occupate e tipografie clandestine. Dopo il contadino ecopacifista prova altri mestieri, ugualmente alternativi, anche il teatro, senza grandi entusiasmi; fino a che una scuola di giornalismo lo indirizza sulla giusta via. Arriva così nella redazione televisiva della Deutsche Welle, ma dopo un paio d’anni decide che è stufo; e per complicarsi la vita, comincia a scrivere per «il manifesto» e altre testate italiane. Con lo scoppio della guerra in Jugoslavia inizia a fare la spola con Belgrado, Sarajevo e Zagabria, e ad occuparsi delle strutture di potere dei regimi comunisti in disfacimento, delle lotte sotterranee tra vecchie nomenklature, bande rivali e polizie segrete, di cui anche il conflitto in Bosnia è l’espressione di superficie. Dalla Serbia di Milosevic e Karadzic alla Russia degli oligarchi il passo è breve. Con l’ex Unione sovietica scopre anche i viaggi interminabili: in treno e corriera percorre più volte in lungo e largo il continente, appassionandosi alla grande letteratura russa. È a Mosca quando nel settembre ’99 cominciano a scoppiare le bombe nel metrò che accompagnano l’ascesa di Putin. Inizia così ad occuparsi del presidente russo, ne ricostruisce la biografia, il suo passato nel Kgb, il milieu affaristico criminale che si porta al potere, per un progetto di libro che non vedrà mai la luce causa fallimento dell’editore, ma che si ripromette prima o poi di pubblicare. Nel frattempo rientra in Italia, fonda un giornale online («Nexplora») finanziato dal gruppo De Benedetti che sfida le cattive sorti della New economy mantenendo per due anni una redazione di 13 giornalisti; passa successivamente per il «Corriere Economia», «Il Riformista» e «l’Unità», fino ad arrivare al settimanale «Il Mondo», dove lavora tutt’oggi. Per Editori Riuniti ha pubblicato nel 2003 il libro Borderline. Affari e speculazioni finanziarie nell’Italia del dopo Enron. Se vivesse in un paese normale scriverebbe piuttosto saggi su Bulgakov e la Achmatova, oppure diari di viaggio. E invece si vede costretto a inseguire l’attualità per dare un senso a quella che il filosofo Ernst Bloch chiama «l’oscurità dell’attimo vissuto». Detto più semplicemente: siccome i nostri giornali non riescono più a decifrare una realtà troppo complessa e sfuggente, c’è bisogno di libri che la raccontino. Succede anche nell’Est postcomunista, paradossalmente. Per staccare, ricorre ai grandi autori russi del ‘900, da cui ha imparato anche a vedere tutto con una certa ironia e distacco. E per mettere in ordine le idee, pratica da oltre trent’anni la corsa di lunga distanza, l’unica forma di ascesi ammessa. Con tutti i chilometri percorsi, calcola di aver fatto almeno due volte il giro del pianeta. Molte parti di questo libro sono nate così. Correndo.
...
espandi
AVVISAMI QUANDO ESCE UN TUO NUOVO LIBRO

e-mail 

 privacy

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere Editore S.r.l, in qualità di responsabile del sito e il Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a, in qualità di responsabile del trattamento dei dati sono gli unici soggetti che possono aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale chiarelettere.it, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a con sede in Via Gherardini 10 - 20145 Milano e.mail: info@maurispagnol.it in persona del legale rappresentante pro tempore, il titolare del trattamento dei dati è Chiarelettere Editore S.r.l, in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in Via Melzi d'Eril 44 - 20145 Milano e.mail: info@chiarelettere.it

le mie risposte

This content will be replaced when pagination inits.


i miei video su

Loading...

sull'autore

Loading...

un pretesto per leggerlo
Tratto da La Repubblica del ricatto

Sandro Orlando

Commissione Mitrokhin 1 Guzzanti: "“Sai, il problema di questa faccenda è che dobbiamo dimostrare ciò che diciamo...”" Berlusconi: "“Beh, un momento! Intanto però, li costringiamo a difendersi.”" A proposito dell’accusa contro Prodi, ritenuto “agente d’influenza” del Kgb.