Stefania Limiti

seguilo su
Stefania Limiti è nata a Roma ed è laureata in Scienze politiche. Giornalista professionista, ha collaborato con varie testate, in particolare con il settimanale «Gente», su temi di attualità e di politica internazionale. Inoltre ha lavorato per «l’Espresso», «Left», «La Rinascita della Sinistra» e «Aprile». Si è dedicata negli ultimi due anni alla ricostruzione di pezzi ancora oscuri della nostra storia attraverso la lettura delle sentenze giudiziarie e interviste ai protagonisti: il risultato di questo lavoro giornalistico viene presentato nelle pagine seguenti. Segue con molta attenzione la questione palestinese e ha scritto I fantasmi di Sharon (Sinnos 2002), nel quale ricostruisce la strage nei campi profughi di Sabra e Shatila e le responsabilità libanesi e israeliane, e «Mi hanno rapito a Roma» (Edizioni L’Unità 2006) sulla vicenda del sequestro da parte del Mossad di Mordechai Vanunu, che mise l’Italia sotto i riflettori del mondo intero nel 1986. Inoltre ha realizzato un’inchiesta sul dossier di Bob Kennedy sull’assassinio del presidente degli Stati Uniti dal titolo Il complotto. La controinchiesta segreta dei Kennedy sull’omicidio di Jfk (Nutrimenti, 2012). Con Chiarelettere ha pubblicato "L’Anello della Repubblica" (2009), più volte ristampato.
...
espandi
AVVISAMI QUANDO ESCE UN TUO NUOVO LIBRO

e-mail 

 privacy

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere Editore S.r.l, in qualità di responsabile del sito e il Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a, in qualità di responsabile del trattamento dei dati sono gli unici soggetti che possono aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale chiarelettere.it, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a con sede in Via Gherardini 10 - 20145 Milano e.mail: info@maurispagnol.it in persona del legale rappresentante pro tempore, il titolare del trattamento dei dati è Chiarelettere Editore S.r.l, in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in Via Melzi d'Eril 44 - 20145 Milano e.mail: info@chiarelettere.it

le mie risposte

This content will be replaced when pagination inits.

i miei articoli da

Stragi: lo Stato apre gli archivi, ma non è detto che sveli i segreti
23 Aprile 2014
Il nostro paese aspetta da anni la verità sulle stragi e sulle menti della strategia della tensione che ha colpito al cuore la nostra sovranità. La declassificazione di molti documenti contenuti nelle segreterie speciali dei ministeri e dei servizi annunciata da Matteo Renzi arriva dunque tardiva ma è pur sempre un fatto rilevante, al netto del marketing politico che la contraddistingue. Naturalmente occorre intendersi: sulle materie oggetto della declassificazione annunciata dal presidente del Consiglio non c`è segreto di... continua >>
Doppio livello nel caso Moro: chi rema contro la verità?
24 Marzo 2014
L'ex brigatista Raimondo Etro si è detto sconvolto dalle nuove rivelazioni sul caso Moro (vedi il fattoquotidiano.it). Dice che, se tutto sarà confermato, si dovrà riscrivere la storia. Invece altri tirano la corda. Sembra che si abbia paura delle novità. In realtà, è dal 16 di marzo del 1978 che si parla delle "altre presenze" a via Fani, o di quello che io chiamo il doppio livello del caso Moro. Da allora sappiamo anche che c'era una macchina... continua >>
Dietro l'operazione Donadio lo stop alle indagini sul doppio livello delle stragi?
18 Settembre 2013
E' ormai sotto gli occhi di tutti: all'interno della Procura nazionale antimafia è scoppiata una guerra intestina. Il magistrato che indaga(va) sulle stragi, Gianfranco Donadio, è stato fatto fuori (il neo capo della Procura, Franco Roberti, con una mossa che al momento appare incomprensibile, gli ha ritirato le deleghe), i verbali delle riunioni nelle quali Donadio metteva al corrente i colleghi delle sue ricerche sono stati messi "in vendita" al miglior offerente (chi li ha avuti si è... continua >>

il questionario di Proust

Come sono attraverso il noto questionario di Marcel Proust
Il tratto principale del mio carattere
rendere tutto assoluto
La qualità che desidero in un uomo
fascino e intelligenza
La qualità che preferisco in una donna
fascino e intelligenza
Quel che apprezzo di più nei miei amici
lealtà
Il mio principale difetto
impulsività
La mia occupazione preferita
Imusica e libri
Il mio sogno di felicità
una casa davanti al mare, abitata da tanti amici
Quale sarebbe, per me, la più grande disgrazia
perdere la stima delle persone a cui tengo
Quel che vorrei essere
una brava giornalista d'inchiesta
Il paese dove vorrei vivere
l'Italia senza il degrado
Il colore che preferisco
nero
Il fiore che amo
la rosa
L'uccello che preferisco
il passero
I miei autori preferiti in prosa
Tolstoj, Mann, Stendhall, Dostoevskij
I miei poeti preferiti
Rilke e Neruda
I miei eroi nella finzione
Ulisse
Le mie eroine preferite nella finzione
madam Bovary, Elena di Troia
I miei compositori preferiti
Rachmaninov, Ravel, Devis, Zappa
I miei pittori preferiti
Caravaggio, Matisse
I miei eroi nella vita reale
Pier Paolo Pasolini, Danilo Dolci
Le mie eroine nella storia
madam Curie
I miei nomi preferiti
Anna, Antonio
Quel che detesto più di tutto
ipocrisia
I personaggi storici che disprezzo di più
L'impresa militare che ammiro di più
la battaglia di Stalingrado
La riforma che apprezzo di più
quella di Basaglia
Il dono di natura che vorrei avere
tanta ironia
Come vorrei morire
mentre qualcuno mi tiene la mano
Stato attuale del mio animo
esasperato
Le colpe che mi ispirano maggiore indulgenza
quelle che non nascono dall'egoismo
Il mio motto
non ne ho, cerco di seguire l'istinto

i miei video su

Loading...

sull'autore

Loading...

un pretesto per leggerlo
Tratto da Complici

Stefania Limiti,Sandro Provvisionato

“Nell’agguato di via Fani non è tutto chiaro e limpido come i brigatisti vorrebbero far credere. E oggi c’è una nuova pista su cui la magistratura è chiamata a indagare.”