Roberto Ippolito

Libri scritti per Chiarelettere:
Eurosprechi
Abusivi
Ignoranti
seguilo su
Roberto Ippolito, scrittore e giornalista, ha conosciuto un nuovo successo con Ignoranti (Chiarelettere, 2013), denunciando il grave arretramento dell’istruzione e della cultura. In precedenza ha pubblicato con Bompiani i best seller Evasori (2008) e Il Bel Paese maltrattato (2010) e prima ancora è stato autore Laterza. Organizzatore di eventi culturali, è il direttore editoriale del festival letterario di Ragusa «A tutto volume» e di «Libri al centro», il primo evento di una settimana mai realizzato in un centro commerciale, Cinecittàdue a Roma, e l’ideatore di «Nel baule» al Maxxi, il Museo nazionale delle arti del XXI secolo nella capitale. Ha curato a lungo l’economia per il quotidiano «La Stampa». È stato direttore della comunicazione della Confindustria e delle relazioni esterne dell’Università Luiss, dove ha insegnato alla Scuola superiore di giornalismo.
...
espandi
AVVISAMI QUANDO ESCE UN TUO NUOVO LIBRO

e-mail 

 privacy

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere Editore S.r.l, in qualità di responsabile del sito e il Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a, in qualità di responsabile del trattamento dei dati sono gli unici soggetti che possono aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale chiarelettere.it, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a con sede in Via Gherardini 10 - 20145 Milano e.mail: info@maurispagnol.it in persona del legale rappresentante pro tempore, il titolare del trattamento dei dati è Chiarelettere Editore S.r.l, in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in Via Melzi d'Eril 44 - 20145 Milano e.mail: info@chiarelettere.it

i miei articoli da

Ignoranti tour, l'Italia che non ci sta
16 Agosto 2013
Improvvisa e implacabile, quel pomeriggio la neve arriva sul mare. A La Spezia. Il sindaco Massimo Federici è assorbito dall'emergenza. Tuttavia anche se in ritardo raggiunge il Centro di arte moderna e contemporanea dove con un pubblico di irriducibili sto presentando il mio libro Ignoranti pubblicato da Chiarelettere. Federici sorprende raccontando lo scambio di offese di una lite condominiale e la stoccata a un vicino da parte di un extracomunitario: "E parla bene l'italiano!".Ecco un paradosso dei tempi... continua >>
Analfabetismi e svarioni. L'Italia ignorante
3 Aprile 2013
Riporto anche qui l'intervista che ho rilasciato a Leggo.it, a cura di Isabella Pascucci. Roberto Ippolito, giornalista e scrittore, è autore del libro Ignoranti. L'Italia che non sa, l'Italia che non va, edito di recente da Chiarelettere. Secondo il Censis in Italia l'11,9% degli iscritti al primo anno delle scuole superiori abbandona gli studi. Anche questo è un dato dell'Italia degli ignoranti?«Sicuramente sì: l'abbandono precoce degli studi rappresenta uno dei dati più allarmanti . L'Italia si sta lasciando... continua >>
Noi Italiani? Una massa di ignoranti
11 Febbraio 2013
Riporto anche qui l'intervista che ho rilasciato alla Gazzetta del Mezzogiorno, a cura di Gino Dato. "Ignoranti". L'insulto e l'anatema campeggiano nel titolo dell'ultimo saggio di Roberto Ippolito da qualche giorno apparso per le edizioni "Chiarelettere". La pesante e circostanziata accusa a "L'Italia che non sa. L'Italia che non va", come recita il sottotitolo, indaga le regioni storico-ereditarie, ma soprattutto quelle più recenti, per cui il nostro paese è ormai in coda nelle classifiche per l'istruzione e la... continua >>

i miei video su

Loading...

sull'autore

Loading...

un pretesto per leggerlo
Tratto da Eurosprechi

Roberto Ippolito

La Corte dei conti europea calcola errori nei pagamenti pari al 4,4 per cento di tutte le uscite, per 6,3 miliardi di euro. Questi però rappresentano solo parte del denaro utilizzato male: ‘Il livello di errore non misura la frode, l’inefficienza o gli sprechi’.