Riccardo Iacona

seguilo su
Riccardo Iacona non voleva fare il giornalista. Al punto che anche quando già lo stava facendo da parecchi anni, se Michele Santoro non avesse insistito – «Riccardo, non fare il fesso, vai a fare almeno l’esame di Stato!» – oggi non sarebbe neanche giornalista professionista. È una delle tante cose che deve a Michele Santoro e a Samarcanda, Il Rosso e il Nero, Il raggio verde, Moby Dick, Sciuscià-Edizione straordinaria, le tante trasmissioni nelle quali ha lavorato dal 1988, anno in cui è entrato a far parte della squadra della terza rete Rai diretta da Angelo Guglielmi. Da quel momento in poi è entrato nel «fiume del lavoro», una trasmissione dietro l’altra fino a diventare «autore di se stesso»: da diversi anni, infatti, lavora all’ideazione e alla realizzazione di suoi programmi; prima con la serie dei «W»: W gli sposi, W il mercato e W la ricerca, poi con Case!, Ospedali!, Tribunali! e Pane e Politica; e adesso con Presadiretta, l’ultimo programma a cui sta lavorando, a partire dal quale, nel 2010, ha pubblicato per Chiarelettere il libro "L’Italia in Presadiretta"(2010). Si considera molto fortunato perché sostiene che la Rai in cui ha mosso i primi passi era in forte espansione: era nata da poco una nuova rete, tutta da costruire, ci volevano giornalisti, autori, registi, le tre reti si facevano concorrenza tra loro e si moltiplicavano le trasmissioni di approfondimento giornalistico o comunque di racconto della realtà; insomma, erano decine le botteghe aperte dove un apprendista come lui poteva imparare a usare per la prima volta gli strumenti del mestiere e nutrire qualche speranza di costruire una carriera. Tutto l’opposto di oggi, dove il segno prevalente è quello della sottrazione: meno programmi giornalistici, meno finestre aperte sulla realtà, meno innovazione e meno competizione. Risultato: più conformismo. E migliaia di ragazzi, di giovani giornalisti, che rimangono fuori della porta, alla periferia della professione, senza uno straccio di contratto. È sicuro che se cominciasse adesso non riuscirebbe a fare neanche un decimo di tutto il lavoro che ha prodotto dal 1988 a oggi. Nel 2012, ha pubblicato per Chiarelettere Se questi sono gli uomini.
...
espandi
AVVISAMI QUANDO ESCE UN TUO NUOVO LIBRO

e-mail 

 privacy

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere Editore S.r.l, in qualità di responsabile del sito e il Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a, in qualità di responsabile del trattamento dei dati sono gli unici soggetti che possono aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale chiarelettere.it, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a con sede in Via Gherardini 10 - 20145 Milano e.mail: info@maurispagnol.it in persona del legale rappresentante pro tempore, il titolare del trattamento dei dati è Chiarelettere Editore S.r.l, in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in Via Melzi d'Eril 44 - 20145 Milano e.mail: info@chiarelettere.it

le mie risposte

This content will be replaced when pagination inits.

i miei articoli da

"Sul femminicidio, c'è bisogno di una contronarrazione"
21 Giugno 2013
Riporto anche qui l'intervento che ho svolto di fronte ai detenuti della Casa di reclusione di Padova durante la giornata nazionale di studi "Il male che si nasconde dentro di noi" tenutasi il 17 maggio 2013. Come comunicatore, come narratore sento forte, urgente la necessità di rimettere al centro del racconto le nostre responsabilità di uomini. Rassicuro tutti che Presa diretta continua, e pensiamo anche di tornare sui temi della violenza di genere, che da soli, e devo... continua >>
Il femminicidio entri nell'agenda politica
9 Marzo 2013
Riporto anche qui l'intervista che ho rilasciato a San Paolo Store. Dopo aver ottenuto la laurea in discipline dello spettacolo all'Università di Bologna diviene aiuto regista sia per il cinema che la televisione. Dal 1987 inizia a lavorare per Rai Tre, e collaborerà con Michele Santoro in Samarcanda, Il Rosso e il nero e Temporeale, poi in Circus e Sciuscià. Giornalista d'inchiesta ricordiamo le trasmissioni, trasmesse da Rai Tre, su varie realtà cruciali della vita italiana. Nel 2008... continua >>
IL MONDO PARALLELO
7 Gennaio 2013
Fiorito, Lusi, Belsito, Maruccio...sono i casi più eclatanti di appropriazione indebita di denaro pubblico emersi di recente. Condotte inaccettabili che hanno segnato un solco sempre più profondo tra una politica ingorda e incapace di rigenerarsi, e un Paese messo alle strette dalla crisi economica. Riccardo Iacona ha dedicato a queste vicende la prima puntata della nuova stagione di Presadiretta. Gli abbiamo rivolto alcune domande. "Ladri di partito". Che Italia raccontano gli scandali che hanno coinvolto la politica? È... continua >>

il questionario di Proust

Come sono attraverso il noto questionario di Marcel Proust
Il tratto principale del mio carattere
Sono tenace
La qualità che desidero in un uomo
Capacita' di comunicare, di interrogarsi
La qualità che preferisco in una donna
Come prima
Quel che apprezzo di più nei miei amici
Sincerita' e affetto
Il mio principale difetto
Parlo troppo e poi ne ho tanti...
La mia occupazione preferita
Purtroppo o per fortuna "lavorare"
Il mio sogno di felicità
Che tutti siano felici ma siccome e' impossibile e che in tanti siano felici
Quale sarebbe, per me, la più grande disgrazia
Le disgrazie son cose serie ...meglio non evocarle !
Quel che vorrei essere
Sarebbe bello poter vivere tante vite in una vita ...
Il paese dove vorrei vivere
Quello dove l'uomo e la donna sono al centro del mondo, sono importanti
Il colore che preferisco
Se dico rosso mi saltano subito addosso. Ma io ho problemi con i colori. La mia fidanzata dice che sono daltonico
Il fiore che amo
Quelli del limone
L'uccello che preferisco
I rondoni,per come sanno volare e perche' i loro piccoli pigolano che e' un amore
I miei autori preferiti in prosa
I russi per come narrano l'uomo nella "terra" .
I miei poeti preferiti
Sono un lettore di poesia troppo "debole"
I miei eroi nella finzione
Tutti,basta che abbiano spessore narrativo,i "cattivi" come i "buoni" 
Le mie eroine preferite nella finzione
Come sopra .
I miei compositori preferiti
Come la risposta sulla poesia .
I miei pittori preferiti
Troppi.
I miei eroi nella vita reale
Non so se essere un eroe contemporaneo e vivente  e' un complimento o una condanna. Ma c'e tanto eroismo nella vita quotidiana di milioni di persone. Se si potesse sommare e trasformare in un "prodotto politicamente vendibile" sui tanti eroismi degli ultimi si potrebbe costruire una societa' piu' bella e piu' giusta.
Le mie eroine nella storia
Da Giovanna D'Arco, passando per Rosa Luxemburg, per finire con Maria Montessori?
I miei nomi preferiti
I piu' strani
Quel che detesto più di tutto
L'arroganza del potere quando si unisce alla stupidita' e alla cattiveria .
I personaggi storici che disprezzo di più
Faccio fatica a disprezzare i personaggi della Storia, proprio perche "della Storia". Preferisco semmai disprezzare i "viventi" .
L'impresa militare che ammiro di più
Nessuna
La riforma che apprezzo di più
Quella agraria
Il dono di natura che vorrei avere
Accontentiamoci ...
Come vorrei morire
Veloce .
Stato attuale del mio animo
Sole pieno
Le colpe che mi ispirano maggiore indulgenza
Quelle riconosciute ed elaborate ...
Il mio motto
"Tiremm Innanz!"

i miei video su

Loading...

sull'autore

Loading...

un pretesto per leggerlo
Tratto da Se questi sono gli uomini

Riccardo Iacona

Tratto da Se questi sono gli uomini

Riccardo Iacona

"È come se io fossi il fuoco e la mia compagna ci buttasse la benzina sopra: tu bruci, bruci. E dall'altra parte non arriva nessun aiuto, perché se lei mi voleva veramente bene non doveva alimentare questa cosa..."
Testimonianza di un uomo di 45 anni, denunciato dalla moglie per maltrattamenti e oggi in cura presso un centro antiviolenza.