Claudio Gatti

Libri scritti per Chiarelettere:
Il sottobosco
Fuori orario
seguilo su
Claudio Gatti (1955) risiede negli Stati Uniti dal 1978. Oggi è inviato speciale de «Il Sole 24 Ore» e collabora con il «New York Times», l’«International Herald Tribune» e il «Philadelphia Inquirer». Ha scritto per testate italiane e straniere, dal «Corriere della Sera» al «Financial Times», ed è stato corrispondente de «L’Europeo», vicedirettore de «Il Mondo» e direttore del supplemento «Italy Daily». Nel 2003 ha vinto il Premio Saint-Vincent di giornalismo e nel 2005 il Premiolino. Nel 2005, dalle colonne de «Il Sole 24 Ore» e del «Financial Times», è stato il primo giornalista al mondo a denunciare lo scandalo Oil for Food. Nel 2007, prima dello scoppio della crisi finanziaria, ha lanciato l’allarme sui rischi dei derivati e nel 2008 ha scritto che la camorra e la mafia stavano entrando nel business delle scommesse legali. Nel 2009 ha denunciato che la banca americana JP Morgan Chase era coinvolta nella truffa da 50 miliardi di dollari perpetrata da Bernard Madoff. Nell’aprile del 2011 ha rivelato che l’allora presidente di Finmeccanica Pier Francesco Guarguaglini si era accordato con due faccendieri per fare affari a spese di società del gruppo da lui stesso amministrato. Con Roger Cohen del «New York Times» ha scritto In the Eye of the Storm (Farrar, Straus and Giroux, 1991), scelto dal «New York Times» tra i «libri dell’anno» del 1991. In Italia ha pubblicato Rimanga tra noi (Leonardo, 1991), in cui ricostruisce i rapporti politici e diplomatici tra Stati Uniti e Italia dal dopoguerra alla fine della guerra fredda. Ha pubblicato il romanzo Il Presagio (Rizzoli, 1996) e i libri d’inchiesta Il quinto scenario (Rizzoli, 1994), sulla strage di Ustica, e "Fuori orario", sulle ferrovie italiane (Chiarelettere, 2009), seguito da "Il sottobosco", scritto con Ferruccio Sansa (Chiarelettere, 2012).
...
espandi
AVVISAMI QUANDO ESCE UN TUO NUOVO LIBRO

e-mail 

 privacy

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere Editore S.r.l, in qualità di responsabile del sito e il Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a, in qualità di responsabile del trattamento dei dati sono gli unici soggetti che possono aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale chiarelettere.it, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a con sede in Via Gherardini 10 - 20145 Milano e.mail: info@maurispagnol.it in persona del legale rappresentante pro tempore, il titolare del trattamento dei dati è Chiarelettere Editore S.r.l, in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in Via Melzi d'Eril 44 - 20145 Milano e.mail: info@chiarelettere.it

le mie risposte

This content will be replaced when pagination inits.

i miei articoli da

IL GRUPPO FS AUMENTA GLI UTILI MA TAGLIA I SERVIZI
12 Giugno 2012
Intervenendo a una convegno alla Bocconi, l'ad di Fs Mauro Moretti ha dichiarato che, vista la scarsità di fondi disponibili, il trasporto regionale nel 2013 è a rischio. Alle Ferrovie Lei ha dedicato un'inchiesta, pubblicata da Chiarelettere, "Fuori orario". Da osservatore e conoscitore della materia, come legge l'annuncio di Moretti? Mi pare sintomatico dell'approccio che ha Moretti sul tema del risanamento delle Ferrovie dello Stato. L'ad di FS ha puntato esclusivamente sul bilancio dell'azienda, e non c'è dubbio... continua >>
L'AMERICA FESTEGGIA UN MORTO
3 Maggio 2011
Non appena la notizia dell'uccisione di Bin Laden s'è propagata, negli Stati Uniti è scoppiata la festa. Caroselli per le strade di New York. Abbiamo sentito Claudio Gatti, inviato a New York. Come ha accolto l'America l'uccisione di Bin Laden? La notizia della morte, anzi dell'uccisione di Osama Bin Laden è arrivata dagli americani attraverso le televisioni, che hanno interrotto i programmi tra le 22,30/22,45. Tutti i network nazionali, oltre che i canali All News come Cnn etc.,... continua >>
MALEDETTO TRENO
31 Gennaio 2011
Le Ferrovie italiane sono da sempre al centro di accese polemiche sul livello di servizio offerto ai cittadini: igiene, puntualità, e continui escamotage per contenere i costi sono da sempre il tallone d'Achille del più importante monopolio del Paese. Claudio Gatti, giornalista e autore, ha risposto alle domande di "Cado in piedi". Le Ferrovie dello Stato, in Italia, hanno un'immagine pessima: perché? Perché nonostante l'incredibile numero di miliardi di euro investiti dallo Stato negli ultimi due decenni non... continua >>

il questionario di Proust

Come sono attraverso il noto questionario di Marcel Proust
Il tratto principale del mio carattere
L'ostinazione
La qualità che desidero in un uomo
L'onesta', intellettuale e non.
La qualità che preferisco in una donna
L'onesta', intellettuale e non.
Quel che apprezzo di più nei miei amici
La franchezza.
Il mio principale difetto
L'aggressivita' dello Scorpione. Ma e' solo uno di vari.
La mia occupazione preferita
IL'indagine giornalistica
Il mio sogno di felicità
Aver contribuito a migliorare qualcosa
Quale sarebbe, per me, la più grande disgrazia
Perdere la passione per quel che faccio nella vita oltre che nel lavoro
Quel che vorrei essere
Piu' libero.
Il paese dove vorrei vivere
Mi piace vivere dove vivo, tra New York e l'Italia.
Il colore che preferisco
Non ne ho.
Il fiore che amo
La rosa
L'uccello che preferisco
Non ne ho.
I miei autori preferiti in prosa
Pirandello, Dostojewski,Calvino
I miei poeti preferiti
Rimbaud, Rilke
I miei eroi nella finzione
Ulisse
Le mie eroine preferite nella finzione
Pina (Anna Magnani) in "Roma Citta' Aperta"
I miei compositori preferiti
Bach, Mozart, Dylan
I miei pittori preferiti
Caravaggio, Pollack
I miei eroi nella vita reale
Garibaldi, Mandela
Le mie eroine nella storia
Anna Frank
I miei nomi preferiti
Marco
Quel che detesto più di tutto
La vigliaccheria
I personaggi storici che disprezzo di più
Vittorio Emanuele III
L'impresa militare che ammiro di più
Non ne ho.
La riforma che apprezzo di più
Il Civil Rights Act, la riforma dei diritti civili promulgata dal presidente Lyndon Johnson
Il dono di natura che vorrei avere
La serenita'
Come vorrei morire
Velocemente
Stato attuale del mio animo
Agitato
Le colpe che mi ispirano maggiore indulgenza
L'egoismo
Il mio motto
Never give up

i miei video su

Loading...

sull'autore

Loading...

un pretesto per leggerlo
Tratto da Il sottobosco

Ferruccio Sansa,Claudio Gatti

"Una cosa è sicura: all'inizio degli anni Duemila forse nessuno avrebbe detto che dietro le insegne sgargianti del Bingo ci fossero gli ex compagni del Pci. O meglio, i loro amici d'affari."