Pietro Garibaldi

Libri scritti per Chiarelettere:
Le riforme a costo zero
Un nuovo contratto per tutti
seguilo su
Pietro Garibaldi è professore ordinario di economia politica all’Università degli Studi di Torino. Ha conseguito il Master of Science (1993) e il Phd (1996) alla London School of Economics, e ha iniziato la sua carriera negli Stati Uniti, a Washington, dove ha lavorato per tre anni come economista nel dipartimento di ricerca del Fondo Monetario Internazionale. Tornato in Italia nel 1999, è diventato professore associato all’Università Bocconi. Alla Bocconi e alla Fondazione Rodolfo Debenedetti si devono il lungo legame di lavoro e di amicizia con Tito Boeri con cui ha fondato lavoce.info nel luglio 2002. Nel 2004 e 2005 è stato consulente economico del ministro dell’Economia e delle Finanze. Dal 2006 è direttore del Collegio Carlo Alberto, un’istituzione fondata dall’Università di Torino e dalla Compagnia di San Paolo. Dal 2007 è consigliere di sorveglianza e membro del comitato di controllo di Intesa San Paolo. Collabora con le principali istituzioni finanziarie ed è autore di più di venti pubblicazioni scientifiche internazionali. Per Chiarelettere, ha pubblicato due libri: "Le riforme a costo zero (2011) " e "Un nuovo contratto per tutti (2008) ", entrambi con Tito Boeri.
...
espandi
AVVISAMI QUANDO ESCE UN TUO NUOVO LIBRO

e-mail 

 privacy

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere Editore S.r.l, in qualità di responsabile del sito e il Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a, in qualità di responsabile del trattamento dei dati sono gli unici soggetti che possono aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale chiarelettere.it, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a con sede in Via Gherardini 10 - 20145 Milano e.mail: info@maurispagnol.it in persona del legale rappresentante pro tempore, il titolare del trattamento dei dati è Chiarelettere Editore S.r.l, in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in Via Melzi d'Eril 44 - 20145 Milano e.mail: info@chiarelettere.it

i miei articoli da

Italia, crescita a costo zero
17 Novembre 2011
Riporto anche qui una mia intervista rilasciata a Lettera43. Lo chiamano il governo tecnico, ma agli economisti piace più l'idea che quello di Mario Monti sia il governo delle riforme. Quelle che l'Italia non è riuscita a fare sinora, nonostante gli input della Banca centrale europea, gli strali dell'Unione europea e le minacce neanche troppo velate del mondo finanziario. Da agosto si discute di manovre, contromanovre, patti di stabilità e maxiemendamenti, ma mentre lo spread porta il Paese... continua >>
C'ERA UNA VOLTA IL POSTO FISSO
28 Ottobre 2011
E' guerra aperta tra i sindacati e il Governo a seguito della pubblicazione della lettera presentata da Berlusconi alla Ue. Oggetto della contesa, soprattutto l'idea di rendere più facili i licenziamenti . Il blog ha intervistato Pietro Garibaldi, professore ordinario di economia politica all'Università degli Studi di Torino. Qual è la Sua opinione sulla lettera inviata da Berlusconi alla Ue? Introduce una serie di modifiche al mercato del lavoro... "Che l'Italia abbia bisogno di riforme per tornare a... continua >>
LICENZIARE SARA' PIU' FACILE
5 Settembre 2011
Novità in vista per i lavoratori italiani. Una nuova deroga renderà più semplice i licenziamenti. Ma cosa cambia in sostanza? Tecnicamente non è una deroga all'Art. 18. Tecnicamente l'Art. 8 del Decreto di agosto 2011, quindi dello scorso mese, sostiene che gli accordi fra le parti, quindi accordi tra sindacati e imprese, possono derogare l'organizzazione del lavoro anche in materia di recesso. Ciò vuol dire che potenzialmente ci sono degli accordi tra imprese e sindacati che possono derogare... continua >>

i miei video su

Loading...

sull'autore

Loading...

un pretesto per leggerlo
Tratto da Le riforme a costo zero

Tito Boeri,Garibaldi Pietro

"Il nostro è l'unico paese in cui le donne - sommando le ore di lavoro remunerato e quelle spese tra le mura - lavorano più degli uomini."