Nadia Francalacci

Libri scritti per Chiarelettere:
Paura di volare
seguilo su
Nadia Francalacci vive in provincia di Livorno. Ha iniziato nel 1993 a scrivere articoli di cronaca per il quotidiano «Il Tirreno» e a collaborare con il Sic, Servizi informativi centrali della Radio vaticana, emittente della Città del Vaticano. Per quindici anni ha lavorato in una televisione toscana, Telegranducato. Poi, nel 2007, ha deciso di dedicarsi alle inchieste: dal mistero del Moby Prince al traffico illecito dei rifiuti che arrivano in Italia dall’Africa e dal Nord Europa, dalle truffe alimentari allo scandalo delle cremazioni. Si è occupata anche di malasanità e criminalità organizzata. Collabora con i maggiori settimanali nazionali: “Panorama”,“Panorama Economy”,“il Venerdì di Repubblica”, e il quotidiano “Libero”. Ha scritto anche per “l’Espresso” e Panorama.it. Per queste testate realizza inchieste e articoli di cronaca ed economia. Adora volare (anche dopo aver pubblicato l’inchiesta Paura di volare, Chiarelettere 2011), fare i lanci con il paracadute, trascorrere qualche ora al poligono di tiro e fare lunghe camminate lungomare. Ad Aprile 2011 ha pubblicato per Chiarelettere "Paura di volare"
...
espandi
AVVISAMI QUANDO ESCE UN TUO NUOVO LIBRO

e-mail 

 privacy

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere Editore S.r.l, in qualità di responsabile del sito e il Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a, in qualità di responsabile del trattamento dei dati sono gli unici soggetti che possono aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale chiarelettere.it, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a con sede in Via Gherardini 10 - 20145 Milano e.mail: info@maurispagnol.it in persona del legale rappresentante pro tempore, il titolare del trattamento dei dati è Chiarelettere Editore S.r.l, in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in Via Melzi d'Eril 44 - 20145 Milano e.mail: info@chiarelettere.it

le mie risposte

This content will be replaced when pagination inits.

i miei articoli da

Aerei e sicurezza
31 Ottobre 2011
L'odore acre del fumo proveniente dalla parte posteriore dell'aereo invade in pochissimi minuti la cabina passeggeri. I quattro assistenti di volo si precipitano dal comandante e dal copilota mentre i primi passeggeri, appena imbarcati, cominciano ad agitarsi. Che cosa sta accadendo sul MB-82 ISMEB della flotta Meridiana in fase di rullaggio all'aeroporto di Torino Caselle? Sono le 15.50 del 3 gennaio 2010 quando il comandante allerta il servizio tecnico dello scalo. Trascorrono ancora pochi minuti, poi un tecnico... continua >>
Sicurezza low cost
12 Ottobre 2011
Di seguito un'intervista che ho rilasciato al quindicinale Area «La sicurezza dei passeggeri è probabilmente all'ultimo posto della graduatoria delle priorità delle compagnie aeree. Forse non è neppure contemplata». L'affermazione può apparire come una provocazione, un'esagerazione, tenuto conto che stiamo parlando del mezzo di trasporto universalmente riconosciuto come il più sicuro e affidabile. Purtroppo però essa non è altro che una descrizione fedele della realtà. Una realtà sconvolgente, ben descritta e documentata in un libro inchiesta della... continua >>

il questionario di Proust

Come sono attraverso il noto questionario di Marcel Proust
Il tratto principale del mio carattere
la perseveranza, la capacità di aspettare anche per anni.
La qualità che desidero in un uomo
ne desidererei più di una...
La qualità che preferisco in una donna
ci devo riflettere...
Quel che apprezzo di più nei miei amici
l'ironia
Il mio principale difetto
la tenacia, perseveranza
La mia occupazione preferita
Ia parte il lavoro che mi piace molto e mi diverte, viaggiare.
Il mio sogno di felicità
la serenità delle persone che amo
Quale sarebbe, per me, la più grande disgrazia
devo ancora dimenticarla
Quel che vorrei essere
non ci ho mai pensato seriamente
Il paese dove vorrei vivere
dove vivo attualmente
Il colore che preferisco
verde
Il fiore che amo
La peonia
L'uccello che preferisco
Il pappagallo e tutti gli uccelli molto colorati.
I miei autori preferiti in prosa
Leonardo Sciascia, Carolina Invernizio e Egdar Allan Poe
I miei poeti preferiti
Trilussa e Dino Campana
I miei eroi nella finzione
non sono eroi
Le mie eroine preferite nella finzione
non sono eroine
I miei compositori preferiti
George Gershwin in Rapsodia in blu
I miei pittori preferiti
Gustav Klimt
I miei eroi nella vita reale
coloro che non hanno paura di parlare
Le mie eroine nella storia
tutte quelle donne senza volto e senza nome che hanno lottato per i propri ideali
I miei nomi preferiti
Lorenzo, Andrea, Stefano, Valentina
Quel che detesto più di tutto
l'invidia e l'avarizia
I personaggi storici che disprezzo di più
ce ne sono molti. Ma pur detestandoli, ne apprezzo il coraggio
L'impresa militare che ammiro di più
La riforma che apprezzo di più
la sto aspettando
Il dono di natura che vorrei avere
sono stata abbastanza fortunata, non chiedo di più
Come vorrei morire
Ridendo e con la consapevolezza di essere stata amata
Stato attuale del mio animo
innamorato
Le colpe che mi ispirano maggiore indulgenza
Sono quelle della gola
Il mio motto
non ho un motto

i miei video su

Loading...

sull'autore

Loading...

un pretesto per leggerlo
Tratto da Paura di volare

Nadia Francalacci

"La Lufthansa è stata l'unica azienda nel mondo che, dopo essersi accorta di aver intrattenuto rapporti commerciali con broker deviati, ha messo in sicurezza i suoi aerei in tempi strettissimi. L'unica."