Giovanni Fasanella

seguilo su
Giovanni Fasanella è giornalista, documentarista e sceneggiatore. È autore di molti libri d’inchiesta sulla storia segreta italiana. Fra i più recenti: Intrigo internazionale (con Rosario Priore, Chiarelettere 2010), 1861. La storia del Risorgimento che non c’è sui libri di storia (con Antonella Grippo, Sperling&Kupfer 2010), Il golpe inglese (con Mario J. Cereghino, Chiarelettere 2011), Intrighi d’Italia (con Antonella Grippo, Sperling&Kupfer 2012), Viaggio in treno con suspense (con Andrea Camilleri, Raffaele La Capria, Stefano Malatesta, Dacia Maraini, Dante Matelli, Vieri Razzini e Sandro Viola, Neri Pozza 2012), Una lunga trattativa (Chiarelettere 2013), Le carte segrete del Duce (con Mario J. Cereghino, Mondadori 2014), 1915. Il fronte segreto dell’intelligence (con Antonella Grippo, Sperling&Kupfer 2014), Berlinguer deve morire (con Corrado Incerti, Sperling&Kupfer 2014). Per la tv ha scritto Il sorteggio (interpretato da Beppe Fiorello e Giorgio Faletti, Rai1 2010). Fra i documentari: Il sol dell’avvenire (con Gianfranco Pannone, 2008) e S.B. Io lo conoscevo bene (con Giacomo Durzi, 2012). Con Giuseppe Rocca è autore de Il misterioso intermediario. Igor’ Markevicˇ e il caso Moro, pubblicato da Einaudi nel 2003, oggi fuori commercio, riproposto qui in un’edizione aggiornata e ampliata.

"Fasaleaks"il blog di Giovanni Fasanella
...
espandi
AVVISAMI QUANDO ESCE UN TUO NUOVO LIBRO

e-mail 

 privacy

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere Editore S.r.l, in qualità di responsabile del sito e il Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a, in qualità di responsabile del trattamento dei dati sono gli unici soggetti che possono aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale chiarelettere.it, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a con sede in Via Gherardini 10 - 20145 Milano e.mail: info@maurispagnol.it in persona del legale rappresentante pro tempore, il titolare del trattamento dei dati è Chiarelettere Editore S.r.l, in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in Via Melzi d'Eril 44 - 20145 Milano e.mail: info@chiarelettere.it

le mie risposte

This content will be replaced when pagination inits.

i miei articoli da

Alle radici dei rapporti Stato-mafia
19 Luglio 2013
Riporto anche qui l'intervista rilasciata a Repubblica.it, a cura di Silvana Mazzocchi L'ondata di sospetti sui rapporti mai del chiariti tra Stato e mafia, porta con sé ondate ricorrenti di veleni, inquinamenti e reticenze. Ultimo episodio quello con al centro le stragi in cui vennero assassinati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, che è arrivato a sfiorare perfino il Palazzo del Quirinale. Un ennesimo esempio di quanto la verità giudiziaria sia fragile e destinata a risultare incompleta. Ha sottolineato... continua >>
SIRIA-TURCHIA: MOLTO PIU' DI UN SEMPLICE SCONTRO
3 Luglio 2012
Giovanni Fasanella è fra i massimi esperti di questioni mediorientali. Di recente ha scritto per Chiarelettere il libro "Il golpe inglese". Oggi gli abbiamo chiesto cosa ne pensa di quanto sta accadendo in Siria e di cosa rimane della primavera araba. La primavera araba prosegue. Cosa succede? Intanto non so se si possa parlare ancora di primavera araba perché la situazione in Libia è sempre più indecifrabile, il paese è a pezzi e si è in una situazione... continua >>
PERCHE' HANNO UCCISO GHEDDAFI
21 Ottobre 2011
Otto mesi fa, quando cominciò la guerra in Libia, proprio in una tua intervista a Cado in piedi, dicesti che l'obiettivo era uccidere Gheddafi. E così, in effetti, è stato. Perché l'hanno ammazzato? "Perché era impossibile mettere le mani sul petrolio libico senza uccidere Gheddafi. Per due ragioni. La prima: la potenza economica della famiglia Gheddafi e del suo clan. Erano molto ricchi, tra i più ricchi del mondo. E con il loro danaro avrebbero potuto comprare armi,... continua >>

i miei video su

Loading...

sull'autore

Loading...

un pretesto per leggerlo
Tratto da La storia di Igor Markevič

Giovanni Fasanella,Giuseppe Rocca

Un direttore d’orchestra, uno storico palazzo romano, le Br: che cosa tiene insieme questo strano triangolo? Una nuova puntata sul caso Moro.