Alex Corlazzoli

Libri scritti per Chiarelettere:
La scuola che resiste
seguilo su
Alex Corlazzoli, giornalista, maestro, scrittore, ha viaggiato in Mozambico, Senegal, Kenya, Marocco, Palestina, Siria, Giordania, Libano, India, Brasile, Albania, Romania. Ha operato come volontario in carcere per dieci anni e ha fondato il giornale «Uomini Liberi». Nel 2008 ha fondato l’associazione L’Aquilone che si occupa di integrazione di migranti. Oggi collabora con «il Fatto Quotidiano», dove tiene anche un blog, e «Altreconomia». Cura inoltre la rubrica L’Intervallo su Radio Popolare. Tra i libri che ha scritto: Ragazzi di Paolo (Ega 2002), Riprendiamoci la scuola (Altreconomia 2011) e L’eredità (Altreconomia 2012). Per Chiarelettere, nel 2012 ha pubblicato La scuola che resiste.
...
espandi
AVVISAMI QUANDO ESCE UN TUO NUOVO LIBRO

e-mail 

 privacy

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere Editore S.r.l, in qualità di responsabile del sito e il Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a, in qualità di responsabile del trattamento dei dati sono gli unici soggetti che possono aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale chiarelettere.it, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a con sede in Via Gherardini 10 - 20145 Milano e.mail: info@maurispagnol.it in persona del legale rappresentante pro tempore, il titolare del trattamento dei dati è Chiarelettere Editore S.r.l, in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in Via Melzi d'Eril 44 - 20145 Milano e.mail: info@chiarelettere.it

i miei articoli da

ESTATE PRECARIA
3 Agosto 2013
"Per quest'anno non cambiare stessa spiaggia, stesso mare" cantava Mina. I 76.407 precari della pubblica istruzione possono cantare invece: "Per quest'anno non cambiare, niente spiaggia, niente mare", ma un'estate in attesa di una chiamata "divina" che assicurerà o meno ancora un posto di lavoro. E' la vacanza precaria, quella che non assicura niente. Nessuna garanzia su quando arriverà il sussidio di disoccupazione e nemmeno su quando percepiranno il trattamento di fine rapporto. Nessuna certezza su quando i singoli... continua >>
Una rivoluzione estiva: i compiti per le vacanze ai genitori
13 Giugno 2013
Riporto anche qui l'intervento che ho svolto nel corso della rubrica L'Intervallo, in Jalla di Radio Popolare. Anche se le scuole sono finite, noi maestri continuiamo a compilare cose noiosissime fino al 30, poi la giostra si ferma. Abbiamo lanciato la palla ai radioascoltatori sui compiti per le vacanze Io ho qui davanti a me proprio un bel libro che si chiama Vacanze blu, è uno dei tanti libri che stamattina ho preso in mano, con un bel... continua >>
Ma in Italia la scuola non è un bene comune
6 Giugno 2013
Riporto anche qui l'intervento che ho svolto nel corso della rubrica L'Intervallo in Jalla di Radio Popolare. Sono stato ai seggi in occasione del referendum di Bologna, e ho assistito un po' a come sono andate le cose: siamo arrivati a un 28,71 per cento di affluenza, con un risultato effettivamente sorprendente, ovvero il 59% di coloro che hanno votato dicono i finanziamenti vanno utilizzati per le scuole comunali e statali, contro il 41% che dice di utilizzarli... continua >>

i miei video su

Loading...

sull'autore

Loading...

un pretesto per leggerlo
Tratto da La scuola che resiste

Alex Corlazzoli

- Maestro, ma io non sono africana, vero?
Sono marocchina.
- Il Marocco dov'è?
- Non è in Africa ma è vicino all'Algeria e alla Tunisia. In Africa sono poveri, noi in Marocco no.
Dialogo tra l'autore e Ikram, un'alunna marocchina.