Marco Cobianchi

Libri scritti per Chiarelettere:
American dream
Nati corrotti
Mani bucate
seguilo su
Marco Cobianchi (1966) è nato a Milano ma fino al periodo universitario ha vissuto tra Rimini, Forlì e Ravenna. A 17 anni inizia il mestiere di giornalista in una radio di Bologna per poi passare al network Odeon Tv e successivamente a un quotidiano locale di Rimini. Nel 1990 torna a Milano per assumere il ruolo di viceresponsabile della redazione economica del quotidiano «Avvenire». Con lo stesso incarico passa nel 2000 a «Panorama» dove si occupa di finanza e politica economica. Nel 2001 collabora al libro collettivo Bidone.com (Fazi Editore) scrivendo i capitoli riguardanti la nascita e il crollo delle società internet italiane. Nel 2009 ha scritto Bluff, perché gli economisti non hanno previsto la crisi e continuano a non capirci niente (Orme Editore). Per Chiarelettere ha pubblicato Mani bucate (2011) e Nati corrotti (2012). Per Rai 2 nel 2012 ha ideato e condotto Num3r1, la prima trasmissione di informazione economica basata sul data journalism. Insiste a essere sposato con Cinzia, con la cui fattiva collaborazione ha messo al mondo Valeria e Nicolò.
...
espandi
AVVISAMI QUANDO ESCE UN TUO NUOVO LIBRO

e-mail 

 privacy

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere Editore S.r.l, in qualità di responsabile del sito e il Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a, in qualità di responsabile del trattamento dei dati sono gli unici soggetti che possono aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale chiarelettere.it, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a con sede in Via Gherardini 10 - 20145 Milano e.mail: info@maurispagnol.it in persona del legale rappresentante pro tempore, il titolare del trattamento dei dati è Chiarelettere Editore S.r.l, in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in Via Melzi d'Eril 44 - 20145 Milano e.mail: info@chiarelettere.it

le mie risposte

This content will be replaced when pagination inits.

i miei articoli da

Il silenzio su Giannino e le imperfezioni dello Stato
27 Aprile 2013
Sono da poco passati due mesi da un evento insignificante di fronte al disastro politico ed economico al quale stiamo assistendo. Il 18 febbraio, ad appena 6 giorni dalle elezioni politiche, Luigi Zingales pubblicava sul suo profilo Facebook il famoso post nel quale annunciava le sue dimissioni da Fare Per fermare il declino per la scarsa trasparenza riguardo ai titoli accademici del suo leader e candidato premier Oscar Giannino, dimessosi da tutte le cariche pochi giorni dopo. La... continua >>
Il dilemma di Böckenförde e l'inutile lavoro dei 10 saggi
4 Aprile 2013
Valerio Onida, uno dei 10 saggi scelti dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ha detto di "non essere ottimista" riguardo al lavoro delle due commissioni e, in particolare, della Commissione per le riforme istituzionali. Cerchiamo di capire perchè lo ha detto. Le due commissioni sono state istituite per "formulare precise proposte programmatiche" "in varie forme oggetto di condivisione da parte delle forze politiche" (i virgolettati sono del presidente Napolitano citati da Marzio Breda sul Corriere della Sera). Scorrendo... continua >>
DISOCCUPAZIONE IN CALO? FALSO OTTIMISMO
3 Aprile 2013
A febbraio 2013 la disoccupazione è diminuita dello 0.1% al livello congiunturale, cioè rispetto al mese precedente. Siamo passati dall'11,7% all'11,6%. Attenzione, però, perché il dato dell'11,7% scontava un aumento dello 0,5 a gennaio, quindi un grosso aumento. Ma a guardare bene i dettagli, si spegne subito qualsiasi ottimismo. Il numero complessivo delle persone occupate, a febbraio, è salito di 48 mila unità, quindi ci sono 48 mila persone in più che lavorano, ma le persone che non... continua >>

il questionario di Proust

Come sono attraverso il noto questionario di Marcel Proust
Il tratto principale del mio carattere
Vaglio tutto, trattengo l'essenziale
La qualità che desidero in un uomo
Che sia un vero uomo
La qualità che preferisco in una donna
Che sia una vera donna
Quel che apprezzo di più nei miei amici
Che tengono desta in me la domanda di felicità
Il mio principale difetto
Non riesco a smettere di fumare
La mia occupazione preferita
Capire il perché di tutto
Il mio sogno di felicità
Essere amato
Quale sarebbe, per me, la più grande disgrazia
Che mia moglie morisse prima di me
Quel che vorrei essere
Non me lo sono mai chiesto
Il paese dove vorrei vivere
Vorrei vivere a Rimini. Però a Milano
Il colore che preferisco
Blu
Il fiore che amo
Ginestra
L'uccello che preferisco
Il gabbiano
I miei autori preferiti in prosa
Pasolini, Dovstoevskij, Testori
I miei poeti preferiti
Leopardi, Clemente Rebora, T.S. Eliot, Aldo Nove
I miei eroi nella finzione
James Bond, Capitan Harlock
Le mie eroine preferite nella finzione
Catwoman, Tempesta
I miei compositori preferiti
Beethoven, Mozart
I miei pittori preferiti
Van Gogh, Caravaggio
I miei eroi nella vita reale
Karol Wojtyla, i ragazzi di Tien An Men
Le mie eroine nella storia
Madre Teresa di Calucutta, Maria Stuarda, Giovanna d'Arco
I miei nomi preferiti
Giovanni, Pietro, Carlo
Quel che detesto più di tutto
I raccomandati
I personaggi storici che disprezzo di più
Robespierre
L'impresa militare che ammiro di più
Lo sbarco in Normandia, la battaglia delle Termopili
La riforma che apprezzo di più
La riforma meritocratica
Il dono di natura che vorrei avere
La salute
Come vorrei morire
Senza provocare dolore
Stato attuale del mio animo
Mai quieto
Le colpe che mi ispirano maggiore indulgenza
Tutte
Il mio motto
Il 5% è fortuna, il 5% è talento, il 90% è lavoro

i miei video su

Loading...

sull'autore

Loading...

un pretesto per leggerlo
Tratto da American dream

Marco Cobianchi

“La Fiat è più piccola di Chrysler, ha più del doppio dei suoi debiti, perde 911 milioni di euro l’anno mentre Chrysler guadagna 1,8 miliardi, brucia cassa mentre Chrysler la produce. La discussione sul ‘chi salva chi’ è chiusa.”