David Bidussa

Libri scritti per Chiarelettere:
Siamo italiani
seguilo su
David Bidussa è nato a Livorno nel 1955. Non ha fatto in tempo a fare il ’68. La coerenza non è il suo forte. Ha militato nella sinistra extraparlamentare tra il 1971 e il 1975 e in un movimento di sinistra ortodosso tra il 1968 e il 1974. Nel ’77 preferiva studiare. Ha avuto vari maestri, che gli hanno insegnato soprattutto due cose: a essere scettico con entusiasmo e che è meglio farsi delle domande piuttosto che darsi delle risposte. In ogni caso le risposte sono vere e autentiche se generano altre domande.

È storico sociale delle idee, una disciplina che comprende un mix di competenze culturali tra le quali: storia (nel suo caso storia contemporanea), storia sociale, semiotica, teoria della letteratura, storia delle dottrine politiche, storia dei partiti e movimenti politici.

Ha insegnato (con scarso successo) nei licei prima di provare un’esperienza all’estero. Così è stato lecturer presso il Dept. of Comparative Literature, Faculty of Humanities, Hebrew University of Jerusalem tra il 1982 e il 1984. Tornato in Italia ha provato vari mestieri, non sempre con successo. Dal 1988 ha collaborato con numerose testate tra cui Radio Popolare, «l’Unità», «il manifesto», «Linus», «Diario», «Il Secolo XIX», «il Riformista», «Reset», «Caffeuropa». Dal 1989 lavora presso la biblioteca della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli.

Ha pubblicato vari libri, tra cui ricordiamo Il mito del bravo italiano (il Saggiatore 1994), La mentalità totalitaria (Morcelliana 2002), I have a dream (BUR 2006) e "Siamo italiani" (Chiarelettere 2007).

È ancora innamorato della donna con cui si è sposato più di venti anni fa, è contento di ciò che fanno e di come sono i suoi figli, ha dei buoni amici. Lavora e vive a Milano. I motivi per cui si diverte sono maggiori di quelli per cui si annoia.
...
espandi
AVVISAMI QUANDO ESCE UN TUO NUOVO LIBRO

e-mail 

 privacy

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere Editore S.r.l, in qualità di responsabile del sito e il Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a, in qualità di responsabile del trattamento dei dati sono gli unici soggetti che possono aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale chiarelettere.it, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Gruppo Editoriale Mauri Spagnol S.p.a con sede in Via Gherardini 10 - 20145 Milano e.mail: info@maurispagnol.it in persona del legale rappresentante pro tempore, il titolare del trattamento dei dati è Chiarelettere Editore S.r.l, in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in Via Melzi d'Eril 44 - 20145 Milano e.mail: info@chiarelettere.it

i miei articoli da

Una festa sottotono
2 Giugno 2011
La festa del 2 giugno è un a festa fredda nel panorama collettivo. La figura del Presidente della Repubblica è invece oggi, a differenza di altri tempi, un punto di equilibrio essenziale nel panorama politico italiano. C'è contraddizione in tutto ciò? Certamente sì. Da due punti di vista:1) significa che affidiamo al Presidente della Repubblica un ruolo eccessivamente personalizzato; 2) non si è consolidata una cultura repubblicana. Forse il primo punto ci sembra il più ricco di instabilità.... continua >>
Per fortuna hanno fatto l'Italia
17 Marzo 2011
Stiamo entrando in una settimana in cui tutti parleranno dell'unità nazionale, dei propri sogni, di una realtà che avrebbero voluto e che non c'è. Altri diranno di aver subito e che sarebbe stato meglio se quell'evento non fosse avvenuto. Vorrei che tutti noi avessimo presente alcuni dati presenti all'alba del 17 marzo 1861 che costituiscono indicatori salienti di che cosa fosse la realtà da cui siamo allora partiti. Una rete viaria assolutamente insufficiente; una rete ferroviaria in gran... continua >>
La Francia di Nicolas nella mani di Le Pen
8 Marzo 2011
Mentre gli sguardi dell'Europa sono tutti puntati sul Ss del Mediterraneo, nella Francia dio Sarkozy sta cambiando qualcosa. A 14 mesi dalle prossime elezioni presidenziali, Marine Le Pen, è in vantaggio nei sondaggi per la corsa all'Eliseo sia rispetto al Presidente Sarkozy, sia rispetto al candidato socialista attualmente in corsa, Martine Aubry. Ancora la settiana scorsa, c'era la certezza o almeno la convinzione che mettendo in corsa un cavallo di razza come Dominique Strauss-Kahn attuale direttore generale del... continua >>

il questionario di Proust

Come sono attraverso il noto questionario di Marcel Proust
Il tratto principale del mio carattere
silenzio
La qualità che desidero in un uomo
parola data
La qualità che preferisco in una donna
parola data
Quel che apprezzo di più nei miei amici
insistenza
Il mio principale difetto
silenzio
La mia occupazione preferita
Icamminare
Il mio sogno di felicità
riuscire a convincere qualcuno che cambiare si può
Quale sarebbe, per me, la più grande disgrazia
rivivere sempre la stessa giornata
Quel che vorrei essere
meglio sapere quel che non si vuole essere
Il paese dove vorrei vivere
Parigi
Il colore che preferisco
verde
Il fiore che amo
margherite gialle
L'uccello che preferisco
il corvo
I miei autori preferiti in prosa
Luciano Bianciardi, Fenoglio
I miei poeti preferiti
Montale, Fried, Shakespeare
I miei eroi nella finzione
Milton
Le mie eroine preferite nella finzione
Elisabeth Bennett, Ellen Olenska, Ida Ramundo
I miei compositori preferiti
Purcell,
I miei pittori preferiti
Amedeo Modigliani
I miei eroi nella vita reale
quelli che pensano che l'utente o il cliente non sia un cretino
Le mie eroine nella storia
: Rosa Luxemburg, Emma Goldmann
I miei nomi preferiti
Luca, Giulia
Quel che detesto più di tutto
la noia
I personaggi storici che disprezzo di più
quelli che mi fanno pensare che era meglio non vivere lì e allora
L'impresa militare che ammiro di più
Azincourt
La riforma che apprezzo di più
statuto dei lavoratori
Il dono di natura che vorrei avere
l'intelligenza
Come vorrei morire
guardando il mare
Stato attuale del mio animo
in bilico
Le colpe che mi ispirano maggiore indulgenza
la doppiezza
Il mio motto
riprovaci

i miei video su

Loading...

sull'autore

Loading...